Oggi inizia ufficialmente la stagione di MotoGP per la stagione 2015 con la consueta Conferenza Stampa prima dell’inizio di un gran premio, in questo caso del primo GP che si terrà a Losail, in Qatar. Marc Marquez, Lorenzo, Valentino Rossi, Dovizioso, Espargaro e Cal Crutchlow hanno risposto alle domande dei giornalisti. Domande diverse per ogni pilota: test, messa a punto, feeling, approccio e sensazioni per la nuova stagione. Ma una domanda è sempre stata fatta, la stessa, identica ad ogni pilota: la Ducati vi ha sorpreso? Ebbene si, una delle domande più frequenti è stata quella relativa alla nuova Ducati di Dovizioso e Andrea Iannone (non presente alla conferenza stampa) che a quanto pare sta iniziando a fare davvero paura a tutti.

Marquez meglio dell’anno scorso

Il campione del mondo è stato intervistato per primo e con il sorriso sempre stampato sulla faccia, ha risposto: “Siamo qui un anno dopo e mi sento meglio rispetto allo scorso anno. Non ho subito infortuni, e spero che il campionato inizi nel modo migliore. I test sono andati bene, anche se tutti sembrano molto vicini come tempi. Sia in Malesia, ma soprattutto in Qatar, dove c’erano tanti piloti in pochi decimi. Quest’anno come al solito combatteremo con le Yamaha ma anche le Ducati ha fatto un grande passo avanti. Sarà difficile combattere con loro. Su questa pista negli ultimi due anni ci sono state gare molto belle, quest’anno credo sarà simile, siamo tutti molto vicini e sarà un grande spettacolo.”

Valentino Rossi è fiducioso

Il dottore è in cerca del decimo titolo mondiale, la stagione è all’inizio: “La prima gara è sempre speciale, un po’come il primo giorno di scuola. Arriviamo dai test, possiamo già avere delle idee su ciò che può accadere. Tutti i piloti sono motivati, sarà dura, ci saranno diverse moto e diversi piloti competitivi. Le qualifiche saranno difficili, ma lo saranno anche le libere, perchè sarà importante essere nei primi 10. Abbiamo perso un giorno di test, ci saranno quindi più sorprese, ma le due Ducati sono molto vicine a Marc Marquez. Dobbiamo lavorare per lottare per il podio. Qui ci sono sempre gare molto divertenti. Due anni fa ho battuto Marquez per il 2° posto, ma lo scorso hanno mi ha battuto quando ci giocavano la vittoria.”

Lorenzo con 5 chili in meno

Il maiorchino non ha dubbi, quest’anno andrà sicuramente meglio della scorsa stagione: “Arrivo più forte, peso 5 chili di meno dello scorso anno e spero che si noti, soprattutto, sul rettilineo. Mi sento forte a livello fisico e mentale. Lo scorso anno ho avuto un inizio difficile. Ho commesso un errore. Non mi era mai successo di cadere alla prima gara in tutti questi anni di carriera. Quest’anno la gomma anteriore è più morbida e ci aiuterà. Siamo tutti vicini, la Ducati è molto più forte dello scorso anno. Sono contento del lavoro della Yamaha, ma anche gli altri team non sono rimasti a guardare. Noi siamo migliorati molto in frenata.”

Dovizioso e la sua “fast” Ducati

Andrea Dovizioso ha risposto alle domande con la serenità di chi sa che qualcosa può cambiare e ha affermato: “Chiudere i test al top è stato molto importante. Abbiamo le basi per combattere per il podio. Abbiamo fatto solo 5 giorni in pista con la GP15, ma abbiamo buon margine di miglioramento, soprattutto sul passo. Qui siamo stati subito veloci, ma dobbiamo ancora capire la moto. Rispetto allo scorso anno siamo molto più veloci. La moto funziona in modo “normale”. Lavoriamo sui dettagli. Lo scorso anno con gomme degradate calavamo molto e qui sembra che siamo migliorati”. Quando chiedono al ducatista di definire con una sola parola la propria moto, Andrea Dovizioso afferma, con assoluta certezza: “Fast”.

Espargaro contento in Suzuki

Il neo pilota della Suzuki ha dichiarato: “Sono contento di far parte di questo nuovo progetto. Per diversi anni ho lavorato sui progetti CRT e Open, e adesso per la prima volta parto da pilota ufficiale di una Casa importante. Abbiamo un buon ritmo, ma serve ancora pazienza. Sarà dura lottare per il podio, bisognerà andare a punti.”

Crutchlow in cerca di feeling

Ultimo pilota intervistato è stato Cal Crutchlow: “Abbiamo lavorato molto nel corso del pre-season. Quest’anno ho cambiato moto ed è sempre difficile cambiarla ad ogni anno. A Sepang mi ero trovato bene, ma in Qatar non abbiamo potuto girare nell’ultimo giorno. Ad inizio campionato sarà importante esser molto regolari, questo prima ancora di pensare al podio. In molti vanno forte e possono vincere, lo dimostrano i recenti test. Punto ad avere un maggior feeling dalla terza o quarta gara.”

Una conferenza stampa molto serena e tranquilla, ma soprattutto molto sorridente. I piloti hanno dimostrato grande rispetto l’uno verso l’altro e hanno risposto con la consueta formalità senza approfondire molto le tematiche uscite nella conferenza. Molto carina e divertente l’idea di un giornalista che ha chiesto ad ogni pilota di descrivere con una sola parola il proprio gioiellino a due ruote. Cal Crutchlow ha risposto “white”, facendo ridere tutti i presenti, poi Dovizioso, come già detto, ha risposto “fast”, a conferma di ciò che i test ci hanno mostrato. Rossi ha risposto “precise”, Marquez ha pensato alle sue origini e ha paragonato la sua moto ad un toro. Lorenzo ha risposto “maneggevole” mentre Espargaro ha detto, semplicemente, “piccola”.