La gara di MotoGP Qatar 2017 è terminata e un pilota spagnolo ha mostrato il suo lato migliore. Maverick Vinales è un talento puro e a Losail ha sfoderato tutte le sue armi speciali per andare a vincere una gara veramente complicata. Lo spagnolo, alla sua prima apparizione ufficiale sulla Yamaha, partiva dalla pole position ma al via è stato sfilato dai vari Zarco, Marquez, Dovizioso e Iannone. L’ex pilota Suzuki è riuscito a riacciuffare il fuggitivo Dovizioso solamente al tredicesimo dei venti giri previsti, ingaggiando con l’italiano della Ducati un furibondo duello fatto di staccate e contro staccate, risolto solamente al photofinish. Come si dice, buona la prima per Maverick sulla nuova Yamaha.

La pioggia nel deserto – Dopo una sessione di qualifiche annullata causa pioggia, il maltempo ha seriamente rischiato di mettere in dubbio anche lo svolgimento della gara della MotoGP. Intorno alle 19.50 italiane, una leggera pioggia si è abbattuta sul circuito di Losail, bagnando in particolar modo tre curve, giudicate troppo pericolose dai piloti stessi. Dopo quarantacinque minuti di conciliaboli tra i vari giuidici, team manager e piloti la gara è cominciata, regalandoci un primo appuntamento stagionale al cardiopalma.

Zarco il più veloce al via – A sorpresa, appena spenti i semafori, a scattare davanti a tutti è stato il francese della Yamaha clienti Zarco, il campione della Moto2 in carica, che a dispetto degli altri ha cominciato subito a girare forte prendendo un buon margine su tutti gli inseguitori. Dietro al rookie della MotoGP si era formato un gruppo composto da Marquez, Iannone e Dovizioso che hanno ben presto cominciato a duellare. In breve tempo il pilota della Ducati si è preso la seconda posizione, comandando questo piccolo gruppetto all’inseguimento del fuggitivo.

Ducati al comando - Zarco dopo pochi giri in cui stava dominando, è scivolato, mettendo fine alla sua splendida gara. A prendere le redini della gara è stato quindi Andrea Dovizioso su Ducati, che ha cominciato a martellare un gran ritmo, mettendo alla frusta i suoi inseguitori. Infatti a dieci giri dalla fine Andrea Iannone su Suzuki, è caduto a terra, terminando in malo modo un’ottima prestazione fino a quel momento. Da questo attimo in poi saliranno in cattedra anche i due piloti Yamaha, Maverick Vinales e Valentino Rossi che hanno cominciato a recuperare sul gruppo di testa.

Duello Finale - Al tredicesimo giro Vinales recupera lo svantaggio su Dovizioso, da questo momento in poi il duello su protrarrà fino alla fine, con sorpassi e controsorpassi, staccate da urlo e inserimenti in curva carichi di rischio. Vinales vince la sua prima gara in Yamaha davanti ad un coraggioso Andrea Dovizioso, che non ha mai mollato. Al terzo posto un ottimo Valentino Rossi, che scattato dalla decima casella della griglia è stato protagonista di una splendida rimonta arrivata fino al podio, risultato inatteso viste le premesse e lo scarso feeling avuto fino a quel momento con la nuova Yamaha. Il pilota di Tavullia è soddisfatto di quanto ottenuto, la sua lotta per il decimo titolo riparte da qua. Marc Marquez invece è crollato alla distanza, finendo solamente quarto davanti al suo compagno Pedrosa. Quest’ultimo ha dovuto lottare aspramente con l’Aprilia di Aleix Espargaro che ha chiuso con un brillante sesto posto.  Male Jorge Lorenzo, solamente undicesimo al traguardo.