La Ducati continua a stupire. Andrea Dovizioso agguanta la pole position per il Gran Premio del Qatar, stampando il tempo sul giro a 1.54.113. DoviPower (pseudonimo di Andrea Dovizioso, ndr) si è messo alle spalle Dani Pedrosa, in seconda posizione, e Marc Marquez che è riuscito a chiudere soltanto terzo. Ottima la prova anche del secondo pilota della Ducati, Andrea Iannone, che è riuscito a prendersi il quarto posto, davanti ad un incredibile Hernandez con la Ducati Pramac, ma soprattutto davanti alle due Yamaha.

Ducati: che bellezza!

Non è stato solo Andrea Dovizioso a stupire tutti nelle qualifiche del Qatar ma anche il suo compagno di squadra Andrea Iannone, quarto davanti alle Yamaha di Lorenzo e Rossi. Un momento di gioia per le Ducati ufficiali che si piazzano al primo e al quarto posto, per domani si può solo pensare in positivo. Da segnalare anche la splendida prova della sorella minore. Infatti, la Ducati Pramac ha chiuso con il quinto posto di Hernandez e il nono posto di Petrucci, che dopo aver vinto il Q1, ha chiuso al nono posto il Q2.

Yamaha: Rossi e Lorenzo non brillano

Le Ducati hanno davvero sorpreso tutti, anche i tifosi più accaniti, le Honda hanno dimostrato di essere un osso davvero duro e invece le Yamaha non sono riuscite a brillare nelle qualifiche. Lorenzo ha chiuso con un sesto tempo, senza mai impensierire le prime posizioni, uscendo sempre in maniera sporca dagli intertempi e nel finale non ha mostrato quella scintilla che lo ha sempre contraddistinto. Valentino Rossi, come il compagno di squadra maiorchino, non è riuscito ad impressionare e non ha impreziosito le qualifiche con una sua bella prova. Anzi, il dottore si è sempre dimostrato ben lontano dal pilota visto nei test invernali. Anche quando è rientrato ai box per cambiare il treno di gomme per l’ultimo giro, non è riuscito a convincere. Il team giapponese spera in una gara sicuramente migliore alle prove libere e alle qualifiche.

Honda: Pedrosa è tornato! Marquez sempre una certezza!

Dani Pedrosa è sceso in pista concentrato e sportivamente cattivo. Convinto di poter fare un’ottima giornata di qualifiche e cosi è stato. Sarebbe riuscito anche a portarsi a casa un’ottima pole se non fosse stato per quel “guastafeste” di Andrea Dovizioso. Lo spagnolo si è dimostrato un osso davvero duro e nonostante si parli solo del suo compagno di squadra, lui c’è. Come sempre un ottimo Marquez, terza piazza, ma conosciamo benissimo le capacità nelle partenze dello spagnolo. Domani sarà l’inferno non appena si spegneranno i semafori.