L’attesa è finita. Domenica in Qatar scatta la stagione 2015 della MotoGP. Il Losail International Circuit sarà teatro della gara in notturna che riapre i battenti del circus delle due ruote. Alla luce dei test invernali, il Mondiale promette di regalare spettacolo e si preannuncia come una delle stagioni più interessanti degli ultimi anni. Sale il numero di piloti presenti sulla griglia, 25 contro i 23 di due anni fa. Di questi, quasi la metà (12) si sono già laureati Campioni del Mondo, per un totale complessivo di 28 titoli iridati in pisa. Saranno quattro i rookie ad esordire nella classe regina: occhi puntati su Jack Miller, in arrivo addirittura dalla Moto3, e Viñales (Moto2) mentre Laverty e Baz provengono dal Mondiale SBK.

MotoGP Qatar 2015, Marquez il favorito

L’uomo da battere sarà ancora una volta il campione in carica Marc Marquez che per la seconda volta consecutiva andrà a difendere il trono iridato dagli assalti del compagno Dani Pedrosa e dei rivali della Movistar Yamaha: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo promettono battaglia e vogliono riportare il titolo alla casa di Iwata. Il pesarese insegue sempre la decima corona iridata mentre il maiorchino, dopo il gran finale di stagione 2014, si annuncia il rivale più pericoloso forte di un ottimo stato di forma e di una gran determinazione.

MotoGP Qatar 2015, il ritorno di Suzuki e Aprilia

Grande attesa per la Ducati che ha mostrato una competitività inattesa nei test con Andrea Dovizioso e Andrea Iannone in sella alla GP15, l’ultima nata e interamente firmata dall’ingegenere Dall’Igna. La nuova Desmosedici si è rivelata veloce e pare aver risolto il problema dell’ingresso e della percorrenza in curva. Problemi che stanno cercando di risolvere sulla Suzuki GSX-RR, al rientro in MotoGP con il team ufficiale rappresentato dalla coppia spagnola Aleix Espargarò e Maverick Viñales. Tra i grandi ritorni, fari accesi anche su Aprilia che ha anticipato i suoi programmi e punta a sviluppare la RS-GP per il 2016 con Alvaro Bautista e un Marco Melandri in crisi di risultati.

MotoGP Qatar 2015, si parte il giovedì

Tra i team satellite le Ducati Pramac Racing di Yonny Hernandez e del nuovo arrivo Danilo Petrucci proveranno a battagliare contro Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) e Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) e la coppia Monster Yamaha Tech3 (Bradley Smith e Pol Espargarò) mentre nella categoria Open, Karel Abraham (AB Motoracing) ha chiuso davanti negli ultimi test in Qatar con la stessa Honda RC213V-RS dell’Aspar Team MotoGP dove corrono Nicky Hayden e Eugene Laverty e del rookie Jack Miller del team di Cecchinello. La squadra Athinà Forward Racing supporterà Stefan Bradl e Loris Baz senza dimenticare le ultime due Ducati, quelle di Hector Barbera e Mike Di Meglio del team Avintia Racing. Si parte eccezionalmente di giovedì per le prime prove libere. Si replica al venerdì prima delle consuete qualifiche del sabato e la gara di domenica. La notturna nel deserto scatta alle 20 ora italiana.