Jorge Lorenzo contro Valentino Rossi. I fari della notturna in Qatar (qui gli orari di prove e gara)saranno sui due alfieri Yamaha. Ma guai a sottovalutare la Honda, che perso Stoner ha trovato un promettente Marc Marquez che ha fame di risultati, come il veterano Dani Pedrosa che lo scorso anno ha cullato sogni iridati per diverse gare. Sul tracciato di Losail, la casa dell’ala d’oro vuole raccogliere i frutti del lavoro svolto nei test invernali.

Pedrosa (foto by InfoPhoto) è stato il più veloce in 5 dei 12 giorni di collaudi, è salito sul podio qatariota in 5 occasioni, ottenendo il miglior risultato – un secondo posto – l’anno scorso: ”La squadra ha lavorato sodo per metterci nelle condizioni migliori - ha detto Pedrosa – e sono soddisfatto anche della mia forma fisica: in Qatar ci aspetta un lungo fine settimana, con il calendario spalmato su 4 giorni”. Un appuntamento che servirà a conoscere meglio il format ‘a eliminazione’ che caratterizzerà le qualifiche: ”Sarà interessante vedere come va con il nuovo format, non vedo l’ora”.

Il ‘rookie’ Marquez, campione uscente della Moto2, ha sorpreso tutti con alcune grandi prestazioni sfoderate nel corso dei test. Ma “El Cabronsito” mantiene i piedi per terra e un certo low profile: “Abbiamo avuto una buona stagione di test ma quella del Qatar non è una delle mi piste preferite – ha affermato Marquez -. Ci sono molti fattori da considerare, come la sabbia del deserto che condiziona il grip e anche il fatto che si corre di notte. Rispetto alla Moto2, in MotoGP è tutto diverso e quindi mi ci vorrà un po’ di tempo. Vedremo quando saremo là, di sicuro sarò nervoso per la mia prima gara, ma sono anche emozionato”