La MotoGP è sempre aperta al confronto, con ragazzi del calibro di Valentino Rossi che hanno saggiato le emozioni della Formula 1 al volante della Ferrari anche in un test ufficiale. Per cui la proposta, o meglio ancora, il desiderio di Hamilton di provare una delle belve a 2 ruote del mondiale non è caduta nel dimenticatoio.

Come era prevedibile, è stato lo stesso Valentino Rossi a rispondere per primo al campione del mondo della massima formula, attraverso delle dichiarazioni che lasciano intendere quanto quest’operazione sia fattibile nella realtà.

“A Monza lo scorso anno Lewis mi aveva detto che avrebbe voluto correre al Ranch. Io gli ho chiesto se sapesse guidare o se avrebbe dovuto partire da zero. Lui mi ha risposto che guida un 450. Per quanto riguarda la nostra M1, a mio avviso, è una moto facile: toglieremo un po’ di potenza e se vuole potrà divertirsi“.

Certo definire facile una belva dal rapporto peso potenza di un missile può sembrare un po’ eccessivo, ma se lo dice il Dottore, allora Lewis può andare a colpo sicuro. Volendo, può scegliere anche la moto di Lorenzo, visto che anche lui si è reso disponibile per la prova.

“Come diceva poco fa Valentino, Lewis è un grande appassionato di moto. Penso che lui sia già capace di guidare alcune moto da cross, quindi gli presterò molto volentieri la mia M1, ma solo con una grande assicurazione”!

Ovviamente, la considerazione finale è stata una battuta detta con il sorriso sul volto, ma è lecito chiedersi se non sarà Toto Wolff a richiedere un’assicurazione. D’altra parte, non è semplice domare le moto più veloci del mondo, e anche Schumacher ebbe il suo da fare, ai suoi tempi, anche se poi si adattò alla grande alla Ducati Desmosedici.

Quindi non resta da capire quando l’esperimento di Hamilton sulla Yamaha sarà possibile, a meno che non s’intromettano gli sponsor a mettergli i bastoni tra le ruote.