Il GP al Mugello (vinto alla grande da Jorge Lorenzo) è durato solo una curva per Valentino Rossi. Il pesarese della Yamaha è uscito al primo giro dopo il contatto con Bautista alla variante Poggio Secco. La faccia del Dottore ai box si commentava da sè e a bocce ferme Rossi cerca di mantenere la calma e prendere l’episodio con lo spirito giusto: “E’ stato un incidente di gara, lui ha detto che non mi ha visto ed è una cosa possibile. Mi fa un po’ male la chiappa, la mano e il piede però per quello che è stato l’incidente è andata bene. Sono riuscito a buttarmi dalla moto prima di arrivare sulle balle di paglia”. 

Poi però Rossi ci tiene a precisare le cose: “Le immagini sono chiare…Bautista era tutto all’interno, ha aperto il gas forte e ha chiuso la traiettoria. Forse voleva chiudermi ma mi ha preso in pieno. Poi mi ha detto che non mi aveva visto. Ed è una cosa possibile. Io ero già davanti”. VR46 non è quello di sempre davanti ai microfoni e conta di riscattarsi al più presto: “In partenza si è scaldata la frizione, ha slittato e sono partito male. Poi è successa la sfiga… Peccato, potevamo andare forte, avevamo un buon passo. Vedremo di rifarci a Barcellona”.

In direzione gara con Bautista si è parlato dell’incidente ma nessun provvedimento verrà preso nei confronti dei piloti. Un segnale che la dinamica dell’incidente forse non è così chiara come sembra: “Quando ho cambiato direzione per andare a destra mi sono trovato Valentino lì e ho preso una botta dalla sua moto. Stavo facendo la mia linea”ha invece spiegato l’iberico della Honda una volta rientrato ai box. Che poi aggiunge a ‘Fuori Giri’: “So che siete tutti incazzati, ma io non ho tirato giù Valentino”. Voi cosa ne pensate?

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook

LINK UTILI

Gara: Lorenzo strepitoso, Pedrosa è secondo

MotoGP Mugello 2013: carissimi i prezzi di un biglietto

Qualifiche: pole e record di Dani Pedrosa

Prove del venerdì: paura per Marquez

GP Francia: la Ducati sogna ma vince Pedrosa

Valentino Rossi a fine carriera sulle auto

SBK: storica doppietta di Sykes, il Mondiale s’infiamma