Il venerdì di prove libere al Mugello si è chiuso nel segno della Yamaha. Jorge Lorenzo è stato il più veloce fermando il cronometro sul tempo di 1’48“375 davanti di soli 34 millesimi a Valentino Rossi. Il filotto della casa di Iwata è completato dalla terza posizione conquistata da Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech3) che chiude a meno di tre decimi dal campione del mondo.

La Ducati, ottimista alla vigilia con il direttore generale corse Bernard Gobmeier i, si piazza quarta con Nicky Hayden, che rimedia un secondo netto, quanto basta per mettersi dietro Pedrosa, quinto ad una manciata di millesimi dal texano. Il catalano della Honda ha provato una nuova carena che al momento non sembra aver dato i suoi frutti. Seguono la D16 di Andrea Iannone (Pramac Racing) e l’altra rossa ufficiale di Andrea Dovizioso, in pista nonostante un forte dolore al collo dovuto alla caduta di questa mattina.

Una caduta che ha avuto conseguenze più serie per Marc Marquez, al comando della seconda sessione fino alla scivolata. Lo spagnolo della Honda ha perso il controllo della sua RC213V sul lungo rettilineo ed è stato costretto ad abbandonare la pista in barella. Muoveva braccia e gambe, anche se accusa un problema al mento ancora da valutare. Caduta anche per Bradley Smith, poco dopo all’altezza della Casanova Savelli: potrebbe aver riportato una lesione al braccio sinistro.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

LINK UTILI

MotoGP Mugello 2013: orari e diretta tv

MotoGP Mugello 2013: carissimi i prezzi di un biglietto

Previsioni meteo del Gran Premio d’Italia

GP Francia: la Ducati sogna ma vince Pedrosa

Valentino Rossi a fine carriera sulle auto

SBK: storica doppietta di Sykes, il Mondiale  s’infiamma

F1 Monaco: successo Mercedes tra le polemiche