Il nome di Valentino Rossi è scomparso nell’albo d’oro del Mugello nel 2009. Da tre anni a questa parte il circuito toscano ha un nuovo re della classe regina del motomondiale: quel   Jorge Lorenzo, compagno del Dottore, che scaccia via i fantasmi di una presunta crisi Yamaha dopo il weekend di Le Mans.

Con Rossi fuori al primo giro per gentile concessione di Bautista, Lorenzo va a prendersi subito la prima posizione e non la molla più. Gli unici che provano a dargli fastidio sono le due Honda del pole-man Pedrosa e di Marquez. Ma nessuno dei due connazionali sembra mai poterlo avvicinare.

Dietro il vuoto con il solo Cructhlow a limitare i danni davanti alle Ducati di Dovizioso, Hayden e il bravissimo Michele Pirro. A spalancare la porta al terzo successo consecutivo di Lorenzo al Mugello ci pensa Marquez che dopo aver sverniciato Pedrosa si stende alla Casanova Savelli buttando via 20 punti già in cassaforte. Pedrosa ringrazia e sul podio sale Cructhlow lasciando un amaro quarto posto al Dovi. Comunque il massimo risultato per questa Ducati.

Paolo Sperati su @Twitter @Facebook

LINK UTILI

MotoGP Mugello 2013: carissimi i prezzi di un biglietto

Qualifiche: pole e record di Dani Pedrosa

Prove del venerdì: paura per Marquez

GP Francia: la Ducati sogna ma vince Pedrosa

Valentino Rossi a fine carriera sulle auto

SBK: storica doppietta di Sykes, il Mondiale s’infiamma