Il Mondiale è ancora apertissimo ma i 18 punti di differenza tra Rossi, leader della classifica del mondiale, e Jorge Lorenzo iniziano a farsi sentire. Pedrosa conquista il Giappone. Ecco le parole dei piloti al termine della gara di Motegi.

Appena sceso dalla sua Honda Repsol, Dani Pedrosa era felicissimo della sua gara e per il suo primo posto che mancava dallo scorso anno sul tracciato di Brno: “Non è stato come mi aspettavo, ho perso molto all’inizio, poi preso il mio ritmo cercando di risalire con costanza. Penso che gli altri abbiano bruciato le gomme e alla fine il mio passo era il più veloce sulla pista che si asciugava. Sull’asciutto non avevamo chance, sul bagnato ho approfittato della situazione, al via ho visto le gomme degli altri e mi sono adeguato per giocarmela alla pari poi da metà gara loro hanno rallentato e io sono risalito”.

Valentino Rossi è molto soddisfatto del suo secondo posto: “Ogni gara ha la sua storia, non mi sentivo bene come a Silverstone e facevo più fatica in frenata, avevo un buon passo, ma Jorge è stato più bravo di me all’inizio e in condizioni di bagnato pieno mi avrebbe battuto. Io però sapevo che le condizioni cambiavano, la pista si stava asciugando e lì è iniziata un’altra gara”.

La gara però è stata complessa: “Era difficile controllare la moto e facile fare degli errori. Temevo che Dani avrebbe passato solo me e non Jorge e quindi che avrei perso altri 9 punti, che sarebbero stati tanti, ma mi sono attaccato a lui, ho ripreso Jorge e questi 4 punti guadagnati su di lui sono molto importanti. Sono molto soddisfatto. Non so come sarebbe andata sull’asciutto, ma mi sentivo molto competitivo, poi in gara sono uscito alla distanza, giocando anche con le mappature e prendendo spunto dalle linee di Pedrosa”.

Meno felice è Jorge Lorenzo che parla del malto stradale e del ritmo gara: “Ancora una volta sono stato sfortunato con il tempo. Sull’asciutto avevo il passo migliore, poi sulla pioggia andavo bene, ma ha smesso e quella spinta che avevo fatto all’inizio per andarmene l’ho pagata alla fine, soprattutto sull’anteriore. Nel finale dovevo entrare piano in curva e non potevo seguire il ritmo né di Pedrosa né di Rossi. Però ho solo perso 4 punti, posso puntare a vincere le ultime 3 gare e magari mi aiuta Dani, Marc o una Ducati, vediamo. Se avesse continuato a piovere avrei vinto, mentre Valentino è stato bravo a gestire bene le gomme e Pedrosa abile in accelerazione. Un vero peccato”.