Dopo le prove libere del venerdì sulla pista di Motegi, in Giappone, i piloti parlano delle loro performance. Siamo agli sgoccioli del Mondiale di MotoGP e ogni errore o ogni prodezza possono valere molto di più in questa fase.

Iniziamo da Jorge Lorenzo, lo spagnolo dopo aver chiuso le due sessioni di libere davanti a tutti, afferma: “È stata una giornata sorprendente non mi aspettavo di andare così forte. La spalla non fa male, ma è un po’ scomoda per guidare soprattutto nei cambi di direzione, ma grazie alla mia moto sono molto veloce e costante anche con questa lesione”. Poi lo spagnolo parla degli pneumatici: “Non c’è tanta differenza fra la dura e la morbida, ma con la soft puoi stare più inclinato e dare più gas: potrebbe andare bene per la gara come è stato l’anno scorso”.

Rimaniamo sempre in casa Yamaha con le parole di Valentino Rossi che non è convinto della sua prova: “In staccata non mi sento male, ma è in accelerazione che non sono a posto . Con le gomme dure non sono andato malissimo, ma con le morbide non sono cresciuto quanto mi sarei aspettato. Ci sono molte cose da vedere, va scelta la gomma, ma non sono a posto, mi sento lento nella parte guidata: dobbiamo vedere bene i dati e c’è da lavorare. Speriamo di fare meglio nelle prossime giornate”.
Buona la prova delle Ducati, soprattutto con Iannone, l’abruzzese dichiara: “Siamo partiti con il piede giusto, veloci e costanti, con una moto che è andata subito bene e senza stravolgimenti. Ci metterei al firma per arrivare così fino a domenica”. Continua il filone dei ducatisti Andrea Dovizioso: “Siamo contenti perché abbiamo migliorato in frenata. La velocità c’è, non da lottare con i primissimi, ma non siamo lontani”.
Due settimi posti per Marquez, forse la mano è ancora troppo dolorante: “La mano mi ha fatto male, ma posso guidare, adesso vediamo sabato come va. Piuttosto devo lavorare sul set up elettronico della moto. Ho iniziato girando molto con le soft e sabato vedrò di vedere come vanno le dure. Oggi non ho forzato con la mano”.