Jorge Lorenzo regala spettacolo a Motegi conquistando un successo fantastico che tiene aperto il Mondiale fino a Valencia. Con la gomma morbida Lorenzo scappa via come di consueto mentre Valentino Rossi scatta ottimamente mettendo la sua M1 davanti a Marc Marquez e Pedrosa. Ma le due Yamaha restano davanti solo per qualche curva quando il Dottore compie prima un lungo che gli fa perdere due posizioni e poi va dritto compromettendo la gara.

Il terzetto tutto spagnolo si ricompone e la fuga di Lorenzo si arresta immediatamente. La bagarre che può ancora tenere vivo il Mondiale può iniziare: il maiorchino vede il rookie catalano avvicinarsi ma faticare a tenere in scia la sua HRC. Pedrosa sembra avere quel margine per poter mettersi dietro entrambi forse frenato dalla strategia Honda. A dieci giri dalla fine Marquez, protagonista di una scivolata spaventosa nel warm-up (per fortuna senza conseguenze), decide che è ora di tentare l’attacco ma Lorenzo guida pulitissimo e come un leone tenendo davanti la sua moto sulla pista di casa Honda.

Con una serie di giri veloci il campione del mondo in carica mette un secondo tra lui e la HRC. Il vantaggio aumenta e Lorenzo trionfa con una dimostrazione di forza memorabile. Sul podio Pedrosa saluta ancora il titolo mondiale, mentre Bautista, Bradl e Rossi completano la top 6 del GP del Giappone. Tra due settimane l’epilogo a Valencia e Lorenzo per confermarsi campione dovrà vincere e sperare in una quinta piazza di Marquez. Molto difficile, ma la pressione psicologica potrà incidere parecchio.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

LINK UTILI

Qualifiche: strepitosa pole di Lorenzo

Rossi firma la storia di twitter

Marquez campione del mondo se…le possibili combinazioni

Lorenzo ‘dichiara guerra’ a Marquez 

MotoGP Australia 2013: la Honda assolve Marquez e fa mea culpa

Ricordando Simoncelli: Kate e i bambini che cambiano la vita