Non si è ancora spento e forse non si spegnerà nemmeno dopo le prime gare del mondiale di MotoGP 2016, l’eco dello scontro verbale e fisico tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Ma se il Dottore ha preferito la via del silenzio, forte di una posizione sportiva che lo avvantaggia, visto che alla fine, il suo gesto a Sepang è passato in secondo piano rispetto al biscotto di Valencia, Marquez continua a gettare benzina sul fuoco con le sue dichiarazioni.

Infatti, come riportato dal sito di Sky Sport, in un’intervista rilasciata al quotidiano spagnolo online SoloMoto, il giovane fenomeno iberico ha spiegato: “è stata la rabbia a generare tutto”. E la situazione sarebbe degenerata per via delle accuse lanciate da Valentino Rossi durante la conferenza stampa del giovedì a Sepang.

“Mi sono trovato in una conferenza stampa senza senso da cui sono scaturite cose sgradevoli per il motociclismo. Tutti volevano dire la loro opinione, tutti erano diventati esperti di moto. Rispetto i pareri di tutti, ma la verità su quello che è accaduto lo sappiamo solo io e Valentino. Io comunque ho girato pagina e sono già concentrato sul 2016”.

Poi, tornando sul calcio, quindi contraddicendo il fatto di aver “girato pagina”, ha riferito: “io ho visto che mi ha dato una spinta forte con il piede, ma non voglio entrare nei dettagli. Vorrei vedere questa immagine con due moto in nero e persone neutrali dire la loro opinione. Tuttavia, io preferisco andare avanti”.

Quindi, in merito a Valentino, Marquez ha spiegato: “non ho ancora parlato con Valentino, ora non è il momento, penso che sia preferibile lasciare passare l’inverno. Speriamo di poter risolvere il problema”.

Certo, non è continuando ad ingenerare sospetti che la situazione tornerà alla normalità, anche perché, dopo i fatti di Sepang e di Valencia, difficilmente il rapporto tra i due potrà tornare ad essere quello delle fasi iniziali della carriera di Marquez in MotoGP.