La notizia è che Jorge Lorenzo sta bene, o almeno è in grado di correre il gran premio di Motegi di MotoGP con relativa tranquillità, nonostante la distorsione ad un legamento della spalla sinistra rimediato in allenamento qualche giorno fa.

Lo stesso pilota ha rilasciato dichiarazioni cariche di ottimismo, forse per contrastare psicologicamente Valentino, o forse perché in realtà non avverte tanto fastidio alla spalla come si poteva immaginare. “Sono anocra molto carico dalla vittoria ottenuta ad Aragon. E’ stata una grande vittoria di fronte alla mia gente. Siamo stati anche in grado di conquistare il titolo Costruttori alla Yamaha. Il fine settimana è stato perfetto e abbiamo recuperato un po’ di punti nei confronti di Valentino. Il campionato è fantastico in questa parte della stagione, ma ora dobbiamo essere più concentrati e continuare a sfruttare il buon momento e cercare di vincere il titolo mondiale piloti. La prossima gara sarà in Giappone, posto in cui ho ottimi ricordi, specialmente negli ultimi due anni”.

Dunque, Lorenzo si appella al recente passato, sperando di tornare a vincere a Motegi come l’anno scorso: “Motegi è un circuito stop and go ma stranamente sono riuscito ad ottenere ottimi risultati nel recente passato. Quest’anno avremo un’altra grande battaglia per la vittoria e cercheremo di tornare in corsa per il titolo. Come avrete sentito in questi giorni ho avuto un piccolo incidente durante un allentamento. Sto bene, ma ho solo un po’ do dolore alla spalla sinistra, ma correrò comunque senza alcun problema a Motegi”.

Vedremo se in effetti sarà così o se verso fine gara, domenica, gli antidolorifici avranno terminato il loro effetto per via delle continue accelerazioni e frenate del circuito giapponese. In quel caso Valentino potrebbe approfittarne, anche se tutto lascia presagire che sarà un duello all’ultimo sangue fino alla fine della corsa, nella migliore tradizione del MotoGP dell’era Rossi.