Jorge Lorenzo è il pilota più discusso degli ultimi tempi, e forse questo non fa bene alla sua concentrazione, visto che in Argentina è finito in terra mentre cercava di recuperare terreno dagli altri protagonisti della MotoGP.

Ma ad Austin, Lorenzo, è apparso rinfrancato, e pronto a lottare, di nuovo, per la vittoria. “Generalmente io sono un pilota che va sul sicuro, ma le condizioni in Argentina erano molto complicate per tutti e ho commesso un errore. Non mi sentivo molto a mio agio in sella alla moto nei primi giri. Avevo perso parecchi metri rispetto al primo gruppo e invece di mantenere la calma, tentare di recuperare nel corso della gara e trovare il feeling giusto con la moto ho spinto troppo, soprattutto nella prima curva, in cui vi erano parecchie chiazze di bagnato e sono caduto. Ad ogni modo può capitare, nessuno è perfetto e ho commesso qualche errore. Cercherò di imparare. Ora guardo avanti. ho già dimenticato l’Argentina e ora penso solo a questa gara. Abbiamo un buon potenziale, soprattutto in condizioni di asfalto asciutto. Questa pista, in generale, è piuttosto complessa per noi ma come ho detto prima se c’è un anno in cui possiamo fare bene è proprio questo”.

Chiaramente, il grande punto interrogativo saranno le gomme. “Dopo i problemi che la Michelin ha avuto in Argentina, stavolta cercheranno di andare sul sicuro, portando mescole più dure, almeno teoricamente. Ancora non lo sappiamo. Vedremo tra poco quali gomme Michelin avrà portato per questo appuntamento. Se le gomme si adatteranno bene alla nostra moto su questa pista è ancora un punto interrogativo per noi. In ogni caso tenteremo di lavorare come sempre sodo per cercare di trovare la soluzione migliore. Speriamo che abbiano portato buone gomme”.

Nessuna parola in più sul futuro, non si sbilancia, ma in molti lo vedono già con i colori Ducati.