Chi si ricorda la reazione di Sete Gibernau al sorpasso di Valentino Rossi a Jerez nel 2005? Lo spagnolo era andato su tutte le furie e in un attimo i solidi rapporti tra i due si sgretolarono. Per Jorge Lorenzo e Marc Marquez la situazione è diversa: non c’è un’amicizia tra i due e il pubblico spagnolo probabilmente si dividerà sull’episodio del sorpasso. Probabile che il giovane Marc – che appare più simpatico – verrà perdonato e conquisterà più punti in termini di popolarità rispetto al connazionale.

Lorenzo però è una tigre e nel post-gara lo ha dimostrato. Oltre a parte un “così non si fa” a casco ancora allacciato e twittato da Mediaset Spagna, il maiorchino ha rifiutato di dare la mano a Marquez (prevedibile) ed è stato molto onesto: “Sul sorpasso per il momento preferisco tacere. Direi cose troppo negative. Non so se ci parlerò, non so ancora come reagirò con lui”

Una freddezza e una capacità di autocontrollo che sorprende (soprattutto se paragonata a quella di Gibernau) fino a un certo punto. E a chi gli chiede come fa, Jorge risponde: “Se ti chiedi dove puoi migliorare, trovi sempre una risposta”. Ennesimo tassello di una maturità dimostrata non solo in pista ma anche fuori. Forse solo chi arriva al limite impara certe cose. Ben vengano questi campioni, a cui si può solo ispirarsi e dire grazie. Chapeau, campeon!