Jorge Lorenzo si conferma il più veloce sulla pista di Jerez de la Frontera al termine delle due sessioni di prove libere. In Andalusia, il campione del mondo ferma il cronometro su 1’39“562 migliorando di un decimo e mezzo il tempo della mattinata che l’aveva visto piazzarsi davanti a Dani Pedrosa per tre millesimi.

Il veterano della Honda viene scavalcato nel pomeriggio anche dal grintoso Cal Crutchlow che con la Yamaha Tech3 si piazza a 171 millesimi dal campione del mondo. Qualche problema di gomme per Valentino Rossi che rimedia 3 decimi abbondanti dal compagno di team ma chiude davanti alla Honda di Marc Marquez.

Il rookie della HRC resta però da temere visto il mezzo secondo limato rispetto al mattino, risultando l’ultimo a scendere sotto il muro dell’1‘40 con 1’39“889. Più staccati tutti gli altri: Alvaro Bautista rimedia mezzo secondo dal connazionale mentre è ottima la prova di Andrea Iannone dietro alla Honda di Fausto Gresini di soli 67 millesimi.

L’abruzzese del team Pramac è il primo delle Ducati precedendo quella ufficiale di Nicky Hayden. Chiudono la “top ten” due CRT, la FTR di Hector Barberá che fa meglio della ART del connazionale Espargaró per soli due millesimi. In difficoltà le Honda LCR di Bradl e la D16 di Dovizioso e Michele Pirro, che sostituisce l’infortunato Ben Spies.