L’ultima gara di MotoGP, quella di Valencia, tanto attesa e tanto discussa, è terminata nel peggiore dei modi, e Valentino Rossi è stato un fiume in piena durante le sue dichiarazioni. Emotivamente provato, ferito nell’orgoglio, ma più che altro, deluso dall’accaduto, non ha esitato a manifestare il suo pensiero fino in fondo.

Così ha rinnovato le accuse a Marquez, chiaramente troppo attendista nei confronti di Lorenzo, lui che di solito è una zanzare che pungola gli avversari di sorpassi dal primo all’ultimo giro, e poi durissimo a riprendersi la posizione su Pedrosa, proprio mentre quest’ultimo, da pilota nobile qual è, tentava di superare sia lui che Lorenzo, visto che avevano rallentato in maniera sin troppo conservativa.

“Quando giovedì ho saputo che sarei dovuto partire ultimo, ho capito che il mio destino era segnato, perché sapevo esattamente come sarebbe andata la gara di oggi. Avevo giusto un pelo di speranza che non facessero fino alla fine così, ma Marquez ha voluto portare il suo lavoro fino in fondo”. Parole, dure, durissime, che hanno anticipato altre dichiarazioni al vetriolo da parte del Dottore, di cui vi riproponiamo le frasi salienti.

“Gli ultimi giri sono stati davvero penosi: Marc era nettamente più veloce ed è rimasto dietro senza fare neanche un attacco. Dobbiamo ricordarci che Marquez è uno che attacca sempre, soprattutto negli ultimi giri, ma in generale in tutta la gara. Per esempio, a me prova a passarmi dieci volte al giro, invece con Lorenzo è stato 30 giri dietro. Secondo me ha goduto pensando a me che rivedevo la gara davanti alla televisione, perché lo ha fatto talmente chiaramente. Gli ultimi giri addirittura Pedrosa è riuscito a guadagnare due secondi, perché era evidente che Marc si stesse adeguando al passo di Jorge”.

Poi è stata decisamente chiara l’allusione ad un biscotto di tipo calcistico: “nel nostro sport non avevamo mai visto un biscottone. Questo è uno di quelli da calcio di basso livello, tipo le squadre di bassa classifica di C2 che non devono retrocedere”. Insomma, un’analisi figlia di una situazione decisamente drammatica, sportivamente parlando, e proposta in tutto il mondo, grazie alle televisioni.

Ma tutto questo, non ha portato Valentino a voler allontanarsi, almeno come compagno di box, da Jorge Lorenzo, in quanto il Dottore ha ammesso che la convivenza potrà continuare. “Riguardo alla convivenza dei prossimi anni, non credo che sia un gran problema. Il mio problema ora è che ho perso”.