Andrea Iannone è al suo secondo anno in sella alla Ducati Ufficiale e in totale al suo quarto anno con la Ducati, considerando anche le due stagioni a bordo della Ducati Pramac. Le aspettative sono alte ma lui, e il team, vogliono rispettarle.

Il pilota nato a Vasto, in Abruzzo, non vede l’ora di cominciare e ricorda con entusiasmo la gara in Australia, dove ha appena concluso i test: “Tornarci è stato bello. Lo scorso anno è stata una gara  incredibile, credo di aver fatto una delle gare più belle della mia vita e probabilmente è stata anche una delle gare più belle della stagione 2015. Tutto ciò è merito dal sostegno di Ducati e di tutto il team”.

Andrea Iannone cerca di dare un parere equilibrato, senza sbilanciarsi troppo sulla moto, pensando però già agli obiettivi della prossima stagione: ”Questa nuova moto credo sia una buona moto. Io mi aspetto molto da questo 2016 perché arriviamo da una stagione molto positiva. Credo che stiamo percorrendo passo dopo passo la strada giusta e nel modo migliore. Il 2016 sarà difficile perché dovremo rispettare le aspettative che noi stessi abbiamo creato e quando le aspettative sono alte non è mai facile ma spero di raccogliere i risultati che noi tutti vogliamo”.

Anche per Andrea Iannone è il quarto anno con la Ducati ma il secondo con quella ufficiale: “I due anni alla Ducati Pramac sono stati belli. Due anni che mi hanno dato tanto, è stata una scuola per me. Senza quei due anni sarebbe stata dura e difficile essere ora qui nella scuderia ufficiale. Ho iniziato l’avventura in MotoGP con la Ducati e sono contento di essere qui”.