Andrea Iannone ha chiuso al quarto posto il GP di Catalunya. Partito dalla quarta fila, il pilota di Vasto è riuscito a rimontare fino al quarto posto. Dal quinto giro ha iniziato un lungo inseguimento nei confronti di Bradley Smith ed è poi riuscito a superare il pilota inglese durante la ventunesima tornata, per poi incrementare il proprio vantaggio fino a quasi tre secondi a fine gara. Grazie al risultato, il pilota abruzzese del Ducati Team sale in terza posizione nel campionato con 94 punti: “Questo weekend non è stato semplice da affrontare. Abbiamo sempre cercato di migliorare, ma abbiamo fatto molta fatica e non siamo mai riusciti a raggiungere quello che ci aspettavamo e a cui eravamo abituati dall’inizio della stagione. Mi sono concentrato per fare la miglior gara possibile in queste condizioni, cercando di raccogliere il massimo senza commettere errori perché le condizioni della pista erano molto critiche, in quanto si scivolava tanto sia davanti che dietro. Non sono contento del quarto posto, perché credo che noi possiamo ambire ad altri risultati, ma ho comunque portato a casa altri punti importanti, torno ad essere terzo in campionato e sono soddisfatto per come ho gestito la gara”.

Sfortunata la gara di Andrea Dovizioso, che partiva dalla seconda fila. Dovi ha chiuso i primi due giri del GP in terza posizione per poi salire al secondo posto dopo la caduta di Marquez. Andrea veniva poi superato da Rossi durante il terzo passaggio e poi cadeva nel corso del sesto giro, a causa di una perdita di aderenza dello pneumatico posteriore: “Mi dispiace tantissimo perché due ritiri di fila sono davvero pesanti. Le due Yamaha oggi ci hanno dato la conferma che non è facile stare con loro, ma la Honda era alla nostra portata. Ho fatto un piccolo errore alla curva 4 e la moto mi è partita più del normale, ma lo ha fatto in una maniera talmente secca che non ho nemmeno fatto un high-side. Non ci era mai successo prima, e quindi dobbiamo capire se possiamo migliorare l’elettronica in modo da prevenire questo problema nel futuro”.

Dovizioso si trova adesso in quarta posizione nella classifica generale piloti, con 83 punti, mentre la Ducati e il Ducati Team sono al secondo posto nelle speciali classifiche costruttori e squadre. Ecco perchè Luigi Dall’Igna, Direttore Generale Ducati Corse, non fa drammi: “Dovizioso è caduto mentre stava cercando di stare con i primi: sono cose che succedono e che comunque dimostrano che Andrea ha una grande voglia di far bene e di provarci sempre. Iannone ha fatto una gara molto intelligente, soprattutto se consideriamo il fatto che è partito dal dodicesimo posto in griglia, ed è quindi riuscito a portare a casa un ottimo risultato, tenendo anche presente che le condizioni della pista oggi erano veramente difficili. In ogni caso, i nostri piloti sono terzo e quarto nel campionato e Ducati è al secondo posto nella classifica costruttori, e questo è un fatto comunque positivo”.