Il weekend del Gran Premio di Catalunya coincide con il 65° anniversario della prima gara del campionato del mondo di motociclismo: era il 1949 e gli assi delle due ruote scendevano in pista al leggendario TT sull’isola di Man. Le prime gare sul celebre tracciato britannico si corsero a partire dal 1907 ma allora non facevano parte di nessun campionato fino al primo evento ufficialmente riconosciuto nel Campionato del Mondo che si tenne lunedì 13 giugno 1949, con la sfida delle 350cc vinta da pilota britannico Freddie Frith in sella a una Velocette.

Le gare del TT rimasero in calendario fino al 1976, quando vennero escluso per l’eccessiva pericolosità del circuito dal calendario. Il più antico campionato tra gli sport motoristici in tutto il mondo, venne istituito dalla FIM (Fédération Internationale de Motocyclisme) e sta attraversando ora il suo 66° anno. I Costruttori inglesi quali AJS e Norton colsero i primi successi agli albori del Mondiale, prima che quelli italiani Mondial, Moto Guzzi, Gilera e MV Agusta iniziassero a dominare negli anni ’50, riflettendo la forza dell’industria motociclistica dell’epoca.

Nel corso degli anni ‘60 anche i costruttori giapponesi entrarono a far parte del campionato: Honda e Yamaha vinsero si affermarono ben presto nelle categorie 125cc e 250cc, mentre la Suzuki spopolò all’inizio nella neonata classe 50cc, introdotta nel 1962. La Ducati entra, invece, in MotoGP nel 2003 e la situazione delle categoria cambia radicalmente nel corso degli anni: nel 2009 viene introdotto il regime di monogomma, con il colosso Bridgestone nominato fornitore unico per la classe MotoGP che si affianca alle Moto2 (600cc a 4 tempi) e Moto3 (250cc monocilindriche) in luogo delle precedenti 250 e 125.

LEGGI ANCHE

F1 e MotoGP 2014: il monopolio del fattore M non lascia scampo

GP Spagna: un mostruoso Marquez sfata anche il tabù Andalusia

GP delle Americhe: Marquez col brivido, Ducati a podio

Ascolti MotoGP 2014: le due ruote battono Serie A, Clasico…e F1