A Philipp Island Marc Marquez poteva già diventare campione del mondo: invece la sciagurata strategia della Honda lo ha estromesso dalla gara complicandogli la strada verso uno storico iride all’esordio. La squalifica per bandiera nera è tutta colpa di Honda che, dopo aver animatamente discusso con Dorna durante la gara, ha ammesso di aver sbagliato tramite Livio Suppo.

Il team manager cerca di giustificare una mancanza clamorosa: “I team vincono insieme e perdono insieme. Fino ad ora avevamo fatto un lavoro perfetto quest’anno e può anche capitare un errore. E’ la prima volta che il flag to flag ha una finestra precisa da rispettare. Noi abbiamo interpretato che quello fosse ancora il decimo giro, perchè è transitato per l’11esimo in pitlane quando era già sull’altra moto. Abbiamo interpretato male il numero di giri possibili”

Sorride, come raramente si è visto fare nell’ultimo anno, Jorge Lorenzo che però è ben consapevole che la remuntada resta difficile: “Oggi quello che è successo è stato pazzesco. Abbiamo provato a lungo il cambio moto e questa è stata una delle chiavi. Non ho mai perso nel corso della gara la prima posizione ed alla fine abbiamo conseguito una vittoria che riapre il mondiale. Il contatto con Marquez alla sua uscita dalla corsia box? Io ho commesso un errore entrando troppo veloce in curva, dovevo fare più attenzione. Il mondiale ora è aperto ma resta complicato colmare il gap con due sole gare a disposizione”.

Cambia, di poco in realtà, anche la situazione di Dani Pedrosa: ”Sono molto contento di come ho guidato e di come è andato questo weekend”. Sorride per il podio anche Valentino Rossi che resta comunque sempre lontano da Lorenzo: “E’ stata una gara molto strana ma molto divertente e chiudere sul podio a Phillip Island mi fa grande piacere. Nella prima parte di gara non sono stato forte come mi aspettavo e ciò mi ha impedito di restare incollato ai tre battistrada poi ho fatto un gran cambio moto e da lì in avanti sono riuscito a premere molto fino all’ultimo giro”. 

LINK UTILI

Gara: harakiri Honda, Lorenzo ora vede Marquez

Qualifiche: Lorenzo in pole nonostante il gabbiano

Stoner nella hall of fame “Non credo di meritarmelo”

La storia cambia a Laguna: Marquez ‘svernicia’ Rossi