Ora non si scherza più. Oggi si è passati dalle parole, della Conferenza Stampa di ieri, ai fatti delle prove libere. Valentino Rossi, è stato, nel primo turno, il più veloce sul circuito di Assen, girando in 1’34”357.

Dietro al campione di Tavullia le due Honda, prima Marquez – protagonista di una scivolata nei primi minuti del primo turno – e poi Pedrosa, non molto distanti dal pilota della Yamaha. Jorge Lorenzo, invece, non è riuscito a trovare un buon ritmo nel primo turno. Andrea Dovizioso ha chiuso in nona posizione, davanti al pilota della Pramac Petrucci. Il secondo pilota della Desmosedici, Andrea Iannone, non è nemmeno arrivato tra i primi dieci. La Ducati deve migliorare, e di molto, se vuole essere protagonista di questo gran premio d’Olanda.

Nella seconda parte delle prove libere, nel secondo turno, le Honda hanno mostrato qualcosa in più di tutti e il miglior tempo di Dani Pedrosa, 1’33″450, distrugge il record della pista dell’australiano Casey Stoner. Molto bene anche Marc Marquez, appena dietro il suo compagno di squadra. Lo spagnolo iridato, dopo una piccola scivolata nel primo turno, sta affrontando questo gran premio nel migliore dei modi, per guadagnare punti preziosi per ritornare protagonista nel mondiale di MotoGP.

Valentino Rossi sta mettendo in pratica le parole della Conferenza Stampa, cercando di dare, sin da subito, il massimo per fare delle qualifiche importanti e partire dalla prima fila. L’altro pilota della Yamaha, Jorge Lorenzo, ha chiuso il secondo turno delle prove libere in sesta posizione, non un grande risultato per lo spagnolo.

Bene Andrea Iannone, quarto, appena dietro Rossi. Il suo compagno di squadra, Dovizioso, chiude settimo, migliorando rispetto alle prime prove libere ma sempre molto indietro rispetto agli altri.