Dopo due settimane di pausa, il motomondiale torna ad Assen per il settimo appuntamento della stagione 2013. Sarà la 65ª volta che la classe regina farà la sua apparizione nella cattedrale del motociclismo. Dopo la noiosa gara del Montmelò, si attende l’ennesima sfida tutta spagnola tra Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Entrambi erano presenti ai test di Aragon la scorsa settimana ed entrambi hanno concentrato i loro sforzi sulla gara olandese.

Il campione del mondo punta alla terza vittoria consecutiva forte delle affermazioni nel GP d’Italia e in Catalunya con tanto di nuovo record del tracciato nei test. Pedrosa d’altro canto non è ancora sceso dal podio dal GP di Austin e un secondo posto gli assicurerebbe a prescindere la leadership fino al Sachsenring. A guastare i piani dei due iberici, potrebbe essere un altro talento di casa Spagna, Marc Marquez, che non vuole scendere dal podio. Il giovane rookie della Honda dovrà guardarsi però anche dalla crescente di condizione di Cal Crutchlow, ansioso di riscattare la caduta del Montmelò, e dallo spauracchio Valentino Rossi che nei test sembra aver risolto i problemi con l’anteriore e punta a tornare grande su un circuito amico (5 vittorie in MotoGP) e smentire taglienti editoriali.

Occhi puntati anche su Alvaro Bautista che torna sulla scena dell’incidente 2012 quando si portò via Lorenzo, e ci arriva dopo due gare condite da polemiche a distanza. In casa Ducati attenzione a Dovizioso che ha chiesto grandi movimenti per essere competitivo, e Hayden, reduce da una buona prova a Barcellona. Mentre Iannone e Pirro (ancora al posto di Ben Spies) continueranno a lavorare sulla GP13 sperando in risultati più vicini ai primi rispetto all’ultimo disgraziato GP.

Paolo Sperati su @Twitter e @Facebook

LINK UTILI

Il Dottore firma la storia di twitter

Aldo Grasso su Vale Rossi: il re che non sa ritirarsi

Rossi si ‘consola’ con la fidanzata

MotoGP Catalunya 2013: fantastico successo di Lorenzo

Libere: Rossi torna davanti a tutti, due anni dopo

Stoner punge Rossi su twitter

Valentino Rossi a fine carriera sulle auto

Mugello: Lorenzo strepitoso, Pedrosa è secondo