Grandissima qualifica ad Aragon, i due spagnoli, Marquez e Lorenzo, hanno lottato fino alla fine per conquistare la pole position. Partire davanti talvolta non assicura niente in gara ma partire davanti ha sempre i suoi piccoli vantaggi. Il maiorchino non è riuscito ad arrivare primo ma è comunque molto soddisfatto del tempo registrato mentre Marc Marquez continua ad essere impressionante sul giro secco.

Lorenzo è lontano da Marquez di soli 108 millesimi di secondo, un’inezia che ha permesso al due volte iridato di conquistare un’importantissima pole. Peccato la caduta del numero 92 dopo il gran tempo in qualifica: “Il piano era di effettuare tre uscite: nella prima ho fatto un tempo molto forte e sono stato molto veloce, nel secondo ho fatto qualche errore e nel terzo ho esagerato e sono caduto: mi spiace molto per i ragazzi del team che devono lavorare per rifare la moto, ma noi siamo a posto.

Marquez poi chiude parlando della gara di domani: “La gara sarà dura, forse anche per salire sul podio: Lorenzo va forte sul passo, Pedrosa pure e da Rossi, che è un po’ indietro, non sai mai cosa aspettarti”.

Jorge Lorenzo si è arreso, per soli 108 millesimi, a Marquez, chiudendo in seconda posizione le qualifiche sul circuito di Aragon. Il “para fuera” è molto fiducioso per la gara di domani: “Sono più che contento per questo tempo, Marquez fa sempre delle magie sul giro singolo quando è in sella. Il livello è altissimo, gomme e moto ci aiutano ad andare sempre oltre e la sfida è bellissima”.

Il maiorchino parla del rivale Marc Marquez e della sua bravura nel giro secco: “Sono felice perché senza Marquez, che è sempre molto esplosivo in qualifica, avrei fatto una grande pole. Ci ho provato a stargli vicino, peccato, ma il tempo sull’ 1’46″ mi rende orgoglioso”.

Il compagno di squadra di Valentino Rossi conclude parlando della gara di domani: “Su questa pista la Honda è sempre forte, ma in gara vedremo che differenza ci sarà fra le moto per il degrado della gomma posteriore. È lì la chiave: capire che succede dopo 10 giri”.