Il Mondiale MotoGP 2015 sta per entrare nella fase conclusiva, con lo sprint finale di cinque gare in sette settimane. Questo weekend il tracciato di Aragon ospita il quattordicesimo round della stagione. Il Ducati Team arriva in Spagna con qualche preoccupazione sullo stato fisico di Andrea Iannone, che si è procurato nuovamente una sublussazione della spalla sinistra mercoledì scorso, mentre si allenava a piedi nei pressi di casa sua a Vasto.

Dopo avere effettuato una risonanza magnetica il mattino dopo, Iannone ha iniziato subito delle sedute di tecarterapia per essere pronto per la gara spagnola, ma questo weekend probabilmente non sarà ancora al 100%: “Purtroppo la settimana scorsa sono inciampato mentre mi stavo allenando – ha dichiarato il pilota di Vasto -. Cadendo, ho messo le braccia in avanti per proteggermi, ma ho fatto un movimento brusco e la spalla è uscita di nuovo. Mi sono sottoposto ad alcune sedute di tecarterapia, due ore al giorno, ma sarà sicuramente un weekend difficile per me, perché la pista ha molti cambi di direzione, saliscendi e frenate. Non sarò ovviamente al 100% delle mie condizioni, ma almeno ci sarò”.

Dovizioso ha corso tutte le edizioni del GP di Aragón, e il suo miglior risultato è stato un terzo posto nel 2012, mentre Iannone ha ottenuto una vittoria nel 2010 in Moto2 e lo scorso anno si è qualificato in prima fila ma è stato poi costretto al ritiro mentre era al comando della gara: “Sicuramente ci vogliamo rifare dopo la gara di Misano - ha detto il Dovi -. Aragón è una pista dove l’anno scorso stavo andando bene prima della caduta quando ha iniziato a piovere. E’ una pista molto particolare ed è interessante per noi con la Ducati GP15, per capire la nostra competitività. Mi aspetto molto da questo weekend”.