Nel terzo ed ultimo giorno di test ufficiali a Sepang che inaugurano la stagione, è il solito Marc Marquez a mettere tutti in fila: alla tradizionale “pausa pranzo” di metà giornata, il campione del mondo aveva già strappato a Casey Stoner il record della pista che l’australiano deteneva da ben due anni. Il giovane talento di Cervera si conferma imprendibile, facendo segnare un crono di 1:59.533, quasi un decimo inferiore al tempo di Bastoner che resisteva dal febbraio 2012.

Molti piloti hanno cercato di capire il comportamento delle loro moto, soprattutto in chiave gara provando un long run di simulazione. Ma Marquez ha scatenato un bagarre da turno da qualifica, più che da semplice test con le Yamaha factory che non sono rimaste a guardare: Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sono scesi sotto il muro dei 2 minuti avvicinandosi sensibilmente alla Honda dell’iridato ed entrambi sono rimasti, in un fazzoletto di appena 3 decimi. Il Dottore conferma di aver ritrovato un ottimo feeling con la M1, soprattutto in frenata, mentre il maiorchino ha migliorato i tempi dei primi due giorni ottenendo il miglior crono alla seconda tornata sul tracciato.

Ennesima conferma per Aleix Espargarò, quarto con la sua FTR-Yamaha in configurazione Open e dominatore assoluto della nuova categoria (che prevede l’utilizzo di 12 motori a stagione al posto di 5, 24 litri di benzina invece che 20 e gomme più morbide rispetto alle tradizionali MotoGP): lo spagnolo ha sfondato la barriera dei due minuti, facendo meglio di molte altre MotoGP sia ufficiali, sia satellite. In quinta e sesta piazza la Honda LCR di Stefan Bradl e quella HRC Dani Pedrosa. Stupisce anche il settimo tempo di Andrea Dovizioso, il più veloce tra i piloti Ducati portando la sua GP14 a soli otto decimi da Marquez. Nel finale della sessione brutta caduta per Andrea Iannone (che ha chiuso nono a 1″192): il volo a 200 km/h alla curva 12 ha distrutto la sua Ducati Pramac ma il pilota abruzzese è uscito fortunatamente incolume.

I tempi del day 3:

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.533 10 / 40
2 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 1:59.727 0.194 0.194 11 / 55
3 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 1:59.866 0.333 0.139 2 / 65
4 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 1:59.998 0.465 0.132 7 / 43
5 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.112 0.579 0.114 11 / 38
6 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.223 0.690 0.111 29 / 55
7 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:00.370 0.837 0.147 10 / 40
8 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:00.655 1.122 0.285 8 / 65
9 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.725 1.192 0.070 13 / 57
10 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.788 1.255 0.063 3 / 63
11 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.896 1.363 0.108 10 / 65
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.057 1.524 0.161 58 / 58
13 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:01.514 1.981 0.457 21 / 59
14 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:01.731 2.198 0.217 41 / 47
15 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:01.782 2.249 0.051 12 / 67
16 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.383 2.850 0.601 61 / 66
17 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:02.486 2.953 0.103 17 / 67
18 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.556 3.023 0.070 31 / 65
19 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.619 3.086 0.063 3 / 58
20 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.788 3.255 0.169 13 / 38
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:02.833 3.300 0.045 42 / 60
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.187 3.654 0.354 12 / 41
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:03.204 3.671 0.017 49 / 54
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:03.402 3.869 0.198 40 / 43
25 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:04.516 4.983 1.114 28 / 58
26 AOKI, Nobuatsu Suzuki Test Team 2:05.686 6.153 1.170 10 / 12
27 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.974 6.441 0.288 6 / 12

LEGGI ANCHE

IL REPORT DEL DAY 1

IL REPORT DEL DAY 2

Marco Simoncelli nella leggenda della MotoGP

Yamaha Fiat: il Gruppo torna sponsor in MotoGP

Nuova Yamaha MotoGP: Rossi “Sarà di nuovo molto competitiva”