Dopo aver dominato nel primo giorno di test a Sepang (CLICCA QUI PER IL REPORT DEL DAY 1), il campione del mondo Marc Marquez ha dato un’altra significativa prova di forza: stavolta il 20enne di Cervera ha girato sotto il muro dei due minuti netti. Con la sua Hrc, Marquez ha strappato il tempo di 1’59″926, 410 millesimi più veloce del compagno di squadra Dani Pedrosa in una giornata comunque meno intensa rispetto a quella di martedì probabilmente a causa della stanchezza accumulata dai piloti.

La conferma dell’ottimo lavoro fatto in casa Honda arriva dal terzo posto di Stefan Bradl con la LCR mentre la prima Yamaha si conferma quella di Valentino Rossi: il Dottore rimedia 538 millesimi da Marquez e precede un ottimo Pol Espargaro con la FTR-Yamaha in configurazione Open, mentre Jorge Lorenzo affronta un’altra giornata difficile e i problemi di motore continuano a condizionare il suo rendimento. Ieri aveva lanciato l’allarme: “Così facciamo fatica perché la moto è diventata aggressiva, non me lo aspettavo. Dovremo lavorare duro per recuperare”. E l’ipotesi – per le factory Yamaha – di passare in configurazione Open non è ancora del tutto accantonata.

Dietro il maiorchino si piazza Bradley Smith mentre registra progressi la Ducati Pramac di Andrea Iannone che contiene il distacco entro il secondo.  Più indietro Andrea Dovizioso con la Desmosedici ufficiale a 1″2 da Marquez, mentre Cal Crutchlow è dodicesimo a 1″4.

Ecco i tempi della seconda giornata:

1 MARQUEZ, Marc Repsol Honda Team 1:59.926 38 / 65
2 PEDROSA, Dani Repsol Honda Team 2:00.336 0.410 0.410 12 / 62
3 BRADL, Stefan LCR Honda MotoGP 2:00.339 0.413 0.003 13 / 52
4 ROSSI, Valentino Yamaha Factory Racing 2:00.464 0.538 0.125 18 / 61
5 ESPARGARO, Aleix NGM Mobile Forward Racing 2:00.547 0.621 0.083 16 / 42
6 LORENZO, Jorge Yamaha Factory Racing 2:00.573 0.647 0.026 27 / 49
7 SMITH, Bradley Monster Yamaha Tech 3 2:00.603 0.677 0.030 27 / 66
8 IANNONE, Andrea Pramac Racing 2:00.855 0.929 0.252 9 / 49
9 BAUTISTA, Alvaro GO&FUN Honda Gresini 2:00.897 0.971 0.042 51 / 55
10 ESPARGARO, Pol Monster Yamaha Tech 3 2:01.061 1.135 0.164 4 / 49
11 DOVIZIOSO, Andrea Ducati Team 2:01.146 1.220 0.085 8 / 45
12 CRUTCHLOW, Cal Ducati Team 2:01.396 1.470 0.250 11 / 48
13 PIRRO, Michele Ducati Test Team 2:02.177 2.251 0.781 6 / 56
14 HAYDEN, Nicky Drive M7 Aspar 2:02.287 2.361 0.110 25 / 58
15 EDWARDS, Colin NGM Mobile Forward Racing 2:02.545 2.619 0.258 8 / 35
16 HERNANDEZ, Yonny Energy T.I. Pramac Racing 2:02.675 2.749 0.130 13 / 45
17 AKIYOSHI, Kosuke HRC Test Team 2:02.692 2.766 0.017 8 / 68
18 AOYAMA, Hiroshi Drive M7 Aspar 2:02.825 2.899 0.133 65 / 66
19 NAKASUGA, Katsuyuki Yamaha Factory Test Team 2:02.970 3.044 0.145 49 / 56
20 DE PUNIET, Randy Suzuki Test Team 2:03.064 3.138 0.094 73 / 96
21 REDDING, Scott GO&FUN Honda Gresini 2:03.117 3.191 0.053 39 / 53
22 LAVERTY, Michael Paul Bird Motorsport 2:03.528 3.602 0.411 37 / 41
23 BARBERA, Hector Avintia Racing 2:04.551 4.625 1.023 2 / 37
24 PARKES, Broc Paul Bird Motorport 2:04.619 4.693 0.068 42 / 43
25 ABRAHAM, Karel Cardion AB Motoracing 2:05.261 5.335 0.642 21 / 32
26 DI MEGLIO, Mike Avintia Racing 2:05.355 5.429 0.094 4 / 34

LEGGI ANCHE

Marco Simoncelli nella leggenda della MotoGP

Yamaha Fiat: il Gruppo torna sponsor in MotoGP

MotoGP calendario 2014: salta il GP del Brasile, si salva l’Argentina

Simoncelli: i 27 anni del “Sic”, i ricordi e l’amore che non tramonta mai

Nuova Yamaha MotoGP: Rossi “Sarà di nuovo molto competitiva”

Jorge Lorenzo in Ducati: “Voglio chiudere la carriera in Yamaha”