Casey Stoner è un assente quasi ingiustificato. A tutti i piloti, tranne forse Valentino Rossi, manca già il due volte campione del mondo australiano, che ha appeso il casco al chiodo a soli 27 anni. Recentemente il “canguro” ha escluso un suo ritorno in MotoGP, definito peraltro un mondo di marionette,  ma una sua possibile comparsa come wild-card non è affatto da escludere.

La voce rimbalza dall’Australia dove Stoner il 28 Febbraio debutterà nella Dunlop Series, e addirittura potrebbe disputare due GP in una settimana: il 13 ottobre in Malesia sul circuito di Sepang  cui poi seguirebbe il secondo appuntamento di Phillip Island, dove vince senza rivali dal 2007. Un’ipotesi che il team principal, Livio Suppo, considera attendibile:

“Come abbiamo ripetuto più volte se Stoner vuole tornare, anche per sole due gare la moto per lui c’è - ha detto nei giorni scorsi al Corriere dello Sport -. Ovviamente un suo rientro sarebbe possibile, ma bisognerebbe comunque farlo provare perché la RC213V 2013 è diversa da quella che lui guidava e diverse sono anche le gomme. Non ho alcun dubbio che un suo ritorno sarebbe una promozione fantastica per la MotoGP”. 

Una sua apparizione, specie nella gara casalinga, farebbe alzare notevolmente l’audience di un circus in crisi, che teme l’assenza di un personaggio già rimpianto. In attesa che altri degni sostituti facciano capolino nel motomondiale.