Fresco di successo nella sabbia olandese, anche in Italia Tony Cairoli si conferma re indiscusso della MX1. Su una pista che non ama particolarmente, il sei volte campione del mondo domina entrambe le manche del GP del Trentino senza lasciare neppure una curva agli avversari. Scattato in testa sia nella prima che nella seconda sfida, ha impresso un passo insostenibile per gli avversari che si sono dovuti accontentare di lottare per i restanti gradini del podio.

Un ruolino di marcia inedito per il pilota siciliano che è solito partire prudente per poi risalire la china giro dopo giro. Stavolta ha messo in atto una grande dimostrazione di forza che ha mandato il numeroso pubblico presente in visibilio. Grazie a questo successo, il 57esimo, Tony raggiunge al secondo posto Smets nei pluri vincitori di sempre del motocross  e incrementa il vantaggio nella classifica mondiale, ora salito a 37 punti, nei confronti di De Dycker.

“Vincere in Italia e davanti ai miei tifosi ha sempre un sapore particolare – ha spiegato TC222 -. È andato tutto bene in entrambe le manche. Su questa pista era importante partire bene, in quanto ieri in qualifica sono partito male e ho rimontato con fatica. Ho impresso un buon ritmo e ho cercato di non commettere errori in quanto la pista era molto scivolosa e difficile. Sono contento della vittoria numero 57 e del tanto pubblico presente e spero che a Maggiora (l’altra tappa italiana, ndr) ce ne sia ancora di più”. 

GP TRENTINO – ARCO DI TRENTO

1. Cairoli 50; 2. De Dycker 40; 3. Paulin 40; 4. Desalle 33; 5. Strijbos 31

Nel mondiale: 1. Cairoli 192; 2. De Dycker 155; 3. Desalle 149; 4. Paulin 148; 5 Strjibos 120