Una storia bella, commovente. Di quelle che purtroppo poche volte si sentono e che poche volte vengono rimarcate dai media. Protagonista un motociclista, con tanto di telecamera sul casco. Coprotagonista un vecchietto, con difficoltà motorie, che deve attraversare una strada ad alta percorrenza. Gustatevi il video…

Un gesto caritatevole, un modo per far capire che essere motociclista non vuol dire solo amare la corsa, il brivido. Ma vuol dire anche essere coscienziosi, non creare danni agli altri e anzi, se possibile, rendersi protagonisti di gesti di solidarietà. Un messaggio che, oltretutto, dovrebbe essere già insito nell’animo umano ma che troppo spesso fa fatica a mostrarsi.