Il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo, in carica ancora fino al 12 ottobre, presente al Salone dell’Auto di Parigi non ha voluto abbandonare il discorso riguardante i rapporti che legano il pilota di Formula 1 Fernando Alonso con la scuderia di Maranello: ”Alonso è un grande pilota, per me il migliore del mondo, stiamo lavorando per trovare la soluzione migliore per lui e per la Ferrari nel reciproco rispetto“. Ha dichiarato lo stesso Montezemolo, che lunedì inizia la sua ultima settimana da presidente della Ferrari. “Dipenderà da cosa vuole fare lui e dalle esigenze della squadra. Stiamo lavorando serenamente“, ha aggiunto Montezemolo. Il nuovo presidente Sergio Marchionne ha annuito stringendogli la mano per l’imminente passaggio del testimone.

Si chiudono così quasi 25 lunghi anni di un grande rapporto tra il manager bolognese e la Casa Ferrari, una storia di fatica ma soprattutto di successi che lo hanno visto subentrare nell’ormai lontano 1991 a Cesare Florio alla guida del team del “Cavallino Rampante”. Dopo l’era Mansell si ripartiva con grande entusiasmo e speranza dalla coppia Prost-Alesi passando anche attraverso l’importante sodalizio con Jean Todt, ma bisognava attendere il passaggio “purgatoriale” di tutta una decade per giungere finalmente alla strameritata gloria del supercampione Michael Schumacher che sia Montezemolo che la Ferrari ricorderanno per sempre, grazie alle sue straordinarie capacità e ai 5 titoli iridati. Giungendo infine all’epoca Alonso, croce e delizia – ma soprattutto per il divario tecnico con Red Bull e Mercedes – del presidente uscente (Foto by Infophoto).

LEGGI ANCHE

Salone di Parigi 2014 novità: tutte le anteprime della manifestazione

Salone di Parigi 2014: tutte le info sulle manifestazione

Tutto sul Salone di Parigi