Montezemolo ha riunito la stampa accreditata al Mugello per fare un bilancio della stagione che si sta per concludere e annunciare gli intenti in vista del 2012, del prossimo campionato.Per prima cosa ha parlato dei risultati ottenuti dalla Rossa con un pizzico di delusione. È mancata una monoposto competitiva e l’unica gara che si salva è quella di Silverstone. Poi però arriva a due nodi importanti che riguardano la Ferrari e la Formula 1 in generale: l’aerodinamica e la terza macchina.

Sull’aerodinamica la Fia, proprio a Silverstone aveva introdotto delle regole nuove in merito ai tubi di scarico. Sulla terza macchina, invece, la Federazione si è pronunciata a fine ottobre, lasciando intendere che si terrà conto dei “costruttori” e quindi la terza vettura potrebbe scomparire.

Cosa pensa Montezemolo? In primo luogo che la Ferrari è importante per la Formula 1 e per questo è fondamentale capire come si evolverà il campionato. La portata pubblicitaria dei GP è indiscussa ma non basta. È importante lavorare su telati, motori, meccanica e aerodinamica.

Il tutto da coniugare con lo spazio da dare ai giovani. In questo discorso s’inserisci quindi “l’opposizione” alla decisione della Fia che rischia di mettere fuori gioco i giovani, spesso delegati alla terza monoposto.