Luca Cordero di Montezemolo saluterà ufficialmente la Ferrari il 13 ottobre 2014. In quasi 30 anni a Maranello, di cui quasi 23 di presidenza, ha raccolto tante vittorie e anche qualche sconfitta. Appena 23enne mise piede per la prima volta in Ferrari nel 1970. Enzo Ferrari lo prese come assistente e lo fece poi direttore corse. Lui ricambiò la fiducia casa tre titoli costruttori (1975-76-77) e due mondiali piloti con Niki Lauda (1975 e 1977). Poi una parentesi tra i numerosi impegni manageriali (fra cui i Mondiali di calcio Italia ’90 e la guida della Confindustria), per tornare in Ferrari nel 1991 da Presidente  e amministratore delegato. Tra le sue prime decisioni quella di ingaggiare Jean Todt nel 1993 come direttore generale in Formula 1.

E’ il primo straniero alla guida della scuderia e arriva con una lunga esperienza nelle corse la Ferrari attraversa uno dei periodi più neri di tutta la sua storia. E i risultati non tardano ad arrivare: nel 2000, dopo 21 anni, la Ferrari torna a vincere il Mondiale con Michael Schumacher e inaugura una striscia d’oro fino al 2004 con Schumi e il Titolo Costruttori sempre in bacheca. Cinque stagioni consecutive sul tetto del mondo. Alonso con Renault (2006 e 2007) spezza il dominio di Maranello che continua nel 2007 con il doppio titolo (grazie a Kimi Raikkonen campione del mondo) e nel 2008 con il solo Mondiale marche.

Dal 2008 cala il buio nonostante l’ingaggio di Alonso. Fuggono prima Ross Brawn poi Todt. Gli avversari intanto si rafforzano. I regolamenti cambiano e la situazione si complica ulteriormente fino al disastro di Monza 2014 condito dalla contestazione per gli insufficienti risultati sportivi negli ultimi sei anni, quelli in cui la Ferrari ha in realtà sfiorato il titolo in due occasioni mentre Toyota e Honda hanno fatto le valigie dopo stagioni ancor più deludenti. A Montezemolo, nonostante la fiducia triennale ottenuta nel cda primaverile, non è bastata nemmeno la crescita record della rossa sia in termini di vendite che di apprezzamento del brand Ferrari a livello mondiale. E il fatto che nessuno abbia vinto come lui in Formula 1  (19 Mondiali quasi quanto il Drake). Il sodalizio tra LCDM e la Ferrari è giunto al capolinea. Toccherà a Sergio Marchionne, il nuovo presidente, riportare la rossa in auge.

photo credit: Forum PA via photopin cc

Tutti i Mondiali vinti da Montezemolo (piloti – costruttori):

Da direttore sportivo
1975 Niki Lauda – Ferrari
1976 James Hunt (McLaren) – Ferrari
1977 Niki Lauda – Ferrari

Da presidente
2000 Michael Schumacher – Ferrari
2001 Michael Schumacher – Ferrari
2002 Michael Schumacher – Ferrari
2003 Michael Schumacher – Ferrari
2004 Michael Schumacher – Ferrari
2007 Kimi Räikkönen – Ferrari
2008 Lewis Hamilton (McLaren) - Ferrari

LEGGI ANCHE

Il saluto di LCDM “Grazie a donne e uomini eccezionali”

Montezemolo lascia Ferrari: la gloriosa carriera di un presidente vincente

UFFICIALE: Montezemolo lascia la Ferrari, Marchionne il nuovo presidente

Marchionne contro Montezemolo: incontro a Maranello

Il botta e risposta con Marchionne durante il GP di Monza

Montezemolo lascia la Ferrari: lo sfogo del presidente

F1 Monza 2014: ultimo GP d’Italia per Montezemolo?

Montezemolo F1 2014: se la Ferrari arriva seconda si scatena il putiferio