La Ferrari ha vissuto momenti di grande gioia ed entusiasmo a Sepang ma tutti sapevano che Alonso non sarebbe riuscito a replicarsi anche a Shanghai: non tanto per la sua incapacità di spingere la vettura al massimo ma per i limiti della F2012. Montezemolo che ne pensa?

Il Presidente della Ferrari è noto per i suoi riepiloghi di fine stagione, quei momenti in cui tira le somme e non è clemente con nessuno: elogia i bravi ma bacchetta in modo deciso chi non ha portato risultati a Maranello.

Prima di Shanghai le sue parole sono state molto significative ed hanno illustrato meglio la strategia e le sensazioni in casa Ferrari.

Innanzitutto non bisogna drammatizzare sui risultati delle prove libere, quel che conta sono le qualificazioni del sabato e la gara della domenica. Certamente dopo Sepang ci si aspettava qualcosa in più dalla Rossa.

Il lavoro fatto dai tecnici e dai piloti è enorme e il fatto di guidare la classifica dopo due gran premi era sicuramente “inaspettato”. A Shanghai la Ferrari ha corso in difesa e si è visto, anche in Bahrain la strategia dovrebbe essere la stessa.

Sul finire del suo intervento Montezemolo cita Alonso che vede la Ferrari come la formica, che porta il grano a casa un po’ alla volta. Se poi il meteo ci mette lo zampino si sa che la F2012 sul bagnato va un po’ meglio.