Il 18 luglio, dall’OffSide Sports Pub di Milano, è partita l’avventura dello Spaghetti Eastern Team nel Mongolia Charity Rally, una corsa non competitiva a scopo di beneficenza con partenza da diverse città europee e traguardo ad Ulan-Bator, in Mongolia. La squadra milanese è formata da otto amici di vecchia data con un po’ di tempo libero e tanta voglia di divertirsi che hanno deciso di raccogliere fondi per una buona causa.  Ogni team ha acquistato e preparato un mezzo di trasporto in modo da raggiungere la Mongolia, dove, una volta giunti a destinazione, sarà donato tramite un’associazione di charity alla popolazione insieme ai fondi raccolti durante la campagna.

Il percorso da seguire e la scelta del veicolo sono a discrezione dell’equipaggio che ha deciso di percorrere la cosiddetta Southern Way con un Fiat Ducato. Da Milano il percorso si è snodato alla volta di Trieste per proseguire attraverso i balcani, attraversando Serbia e Bulgaria. Da Istanbul è partito l’attraversamento della Turchia fino al confine con l’Iran per poi percorrere la principale arteria dell’Iran da Tabriz a Mashad, passando per Teheran e arrivando nel cuore dell’Asia Centrale. La squadra passerà poi per Turkmenistan, Uzbekistan, Kyrgyzstan e Kazakhstan fino alla steppa russa da cui si entra in Mongolia. Da qui basterà superare le centinaia di chilometri delle lande desolate mongole fino al traguardo. Il viaggio durerà circa 29 giorni attraverso 14 stati e 9 capitali per un totale di circa 12000 km su asfalto, terra e sabbia.

La sera di ogni tappa lo Spaghetti Eastern Team cucina con il classico fornelletto da campeggio un pentolone di spaghetti, un modo divertente per onorare la tradizione italiana e condividerla con la popolazione locale che si aggregherà di volta in volta. Per quanto riguarda la parte organizzativa del viaggio e la raccolta fondi, il team ha ricevuto il supporto dall’associazione Onlus ActionAid che si è dimostrata interessata ed incuriosita da questa iniziativa e ha deciso di fornire un aiuto importante derivato dall’esperienza dell’associazione nel campo della beneficenza e della solidarietà.

Il Mongolia Charity Rally, che lo scorso anno ha visto protagonista anche Peugeot con la 2008, si appoggia all’associazione inglese Go Help che lavora con le comunità locali del centro Asia, implementando l’accesso all’istruzione e ai servizi sanitari fornendo, oltre ai fondi, i mezzi di trasporto che verranno utilizzati come ambulanze, mezzi di soccorso e scuolabus.

L’ultimo aggiornamento risale al 22 luglio con lo Spaghetti Eastern Team in Turchia, vicino al confine con l’Iran. Al rally partecipa anche un’altra squadra italiana, Go To Help, composta da elementi molto variegati, esperti viaggiatori e amanti del “famolo strano” (si legge sul loro blog). Caratteristica comune la passione per questa grande avventura che accomuna le circa trenta squadre provenienti da tutta Europa.

LEGGI ANCHE

Mongolia Charity Rally 2013: la grande avventura della Peugeot 2008