Ventiquattromila chilometri di solito si percorrono in sei mesi, a patto di essere agenti di commercio. La Peugeot 2008 che ha partecipato al Mongolia Charity Rally 2013 li ha percorsi in 45 giorni.

Dal 13 luglio al 26 agosto un esemplare del nuovo crossover francese, partendo da Milano, ha attraversato l’Europa dell’est e buona parte dell’Asia per poi tornare nel capoluogo lombardo. Asfalto, piste in terra battuta e sterrati duri. La 2008 è passata da buona parte dell’antico impero austroungarico, dalle repubbliche baltiche, dalla Russia, dalla Turchia e da cinque ex repubbliche sovietiche. Destinazione Mongolia, precisamente l’antica capitale Ulaan Bataar.

Lo scopo era duplice: raccogliere fondi in favore delle popolazioni locali della Mongolia e dimostrare l’affidabilità meccanica dell’accoppiata tra 2008 e nuovo motore 1.2 a benzina Vti, eccellente tricilindrico da 82 cavalli.

La meccanica non si è stancata minimamente, la componente umana sì; infatti sono stati necessari due equipaggi, uno all’andata e uno al ritorno. Ma la Peugeot 2008 ha divorato in tutta tranquillità una distanza che richiama le grandi imprese compiute agli albori dell’automobile.