Redondi non ripete”. Tutti conoscono le popolari parole da parte del musicista Niccolò Paganini a Torino alla fine di uno dei suoi concerti sorprendenti. Anche Giacomo Redondi non si ripete. Ma ancora di più, conferma la sua superiorità con la Honda-RedMoto 450R Enduro nella classe EJ nel GP del Portogallo, seconda prova del Campionato Mondiale Enduro, corso questo fine settimana a Gouveia.

Una gara caratterizzata dal maltempo, con la pioggia che ha reso ancora più impegnativo il percorso lungo 55 km. Sabato scorso gli organizzatori hanno fermato la gara a due giri (su tre), mentre la Domenica il percorso è stato ridotto di circa 15 km a causa di passaggi pericolosi con molto fango e il livello dell’acqua alta dei flussi, difficile da attraversare.

Dal sole del Marocco, per la pioggia del Portogallo. Giacomo Redondi ha vinto in due giorni e dieci prove speciali su sedici. In classe E2 Davide Guarneri è stato costretto a ritirarsi a causa delle contusioni dolorose dopo una caduta. Mentre la Domenica ha finito ottavo, migliorando il ritmo nell’ultima parte della gara. In classe EJ un decimo e un ottavo posto per Davide Soreca, che è stato rallentato da alcune cadute che gli hanno impedito di finire nella “top five”.