La Porsche di Brendon Hartley, Timo Bernhard e Mark Webber ha vinto la 6 Ore di Austin, in Texas, conquistando così la quinta vittoria nei primi sei appuntamenti del World Endurance Championship 2016. La scuderia tedesca ha la rivale Audi di Di Grassi, Duval e Jarvis, mentre al terzo posto si è classificata la Toyota di Sarrazin, Conway e Kobayashi.

La casa dei Quattro Anelli era riuscita a stare davanti fin dalle qualifiche del sabato, riuscendo a condurre le prime quattro ore di gara per poi cedere il passo nel finale, quando la strategia della Porsche è risultata deciva per la conquista di una vittoria importante in vista del probabile secondo titolo consecutivo nel mondiale endurance.

Si è trattata comunque di una vittoria sofferta, con Audi che ha dato l’impressione di avere un passo superiore per tutto il weekend di gara, ma decisiva è stata la scelta di Porsche di fare una prima parte conservativa per poi dare il massimo negli stint finali. Chiare, a tal proposito, sono state le dichiarazioni post-gara di Mark Webber:

C’è da ammettere che il divario tra noi e le Audi, oggi, era davvero grande. Ci siamo dovuti difendere all’inizio, ma alla fine si è rivelata una grande giornata.

La classifica del Wec 2016 vede Porsche al comando con 238 punti, seguita da Audi a quota 185 e Toyota a 137. Tra gli equipaggi comandano invece Lieb, Jani Duval con 130 punti.

Uno sguardo alle altre categorie impegnate nella 6 Ore di Austin ha visto il trionfo di Lapierre, Menezes e Richelmi con la Alpine A460 nella LMP2, mentre in GT Pro è arrivata l’ennesima vittoria dell’Aston Martin, che sul circuito texano ha battuto ancora una volta le Ferrari.