Tra i Caschi d’Oro di Motosprint per il 2014 non poteva mancare il riconoscimento a Toyota Motorsport per la doppia vittoria nel Mondiale Endurance, sia nella categoria Costruttori che in quella Piloti. Dopo soli tre anni dal suo ingresso nel mondo del FIA World Endurance Championship, Toyota Racing ha fatto registrare con la vettura TS040 un risultato sorprendente grazie al patrimonio tecnologico che ha accumulato sulla tecnologia ibrida, e grazie allo spirito di squadra: “Due sono i pilastri che hanno permesso di ottenere questo doppio risultato - ha spiegato Dominic Gardener, R&D General Manager di Toyota Motorsport -. La tecnologia ibrida adattata alla formula del campionato Endurance, sulla quale Toyota ha un indubbio vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza, e la professionalità, la compattezza e lo spirito di squadra di tutto il team, che ha lavorato assiduamente per conseguire questo risultato”

Partendo dal 2006, quando per la prima volta è stato deciso di introdurre il sistema ibrido nelle competizioni sportive, la tecnologia è stata notevolmente affinata, fino ad arrivare a realizzare la Toyota TS040 a quattro ruote motrici da 1.000 cv, riducendo allo stesso tempo il consumo di carburante del 25% rispetto al 2013. La partecipazione di Toyota a questo Mondiale non ha solo finalità di carattere sportivo. Citando le parole del Presidente di Toyota Motor Corporation Akio Toyoda, “Toyota userà anche quest’esperienza raccolta nel FIA World Endurance Championship per migliorare continuamente la tecnologia ibrida e a sviluppare vetture sempre migliori, che stupiscano e facciano innamorare i clienti”. Il Casco d’Oro è tra i più importanti riconoscimenti nel campo delle competizioni sportive motoristiche e viene assegnato da 49 anni ai campioni del mondo ed alle eccellenze delle varie specialità del Motorsport.

LEGGI ANCHE

Caschi d’Oro 2014: tutti i premiati

Toyota Fuel Cell 2015: i precursori dell’auto a zero emissioni

Nuova Toyota Aygo

Toyota GT86: il test drive a Monza 

Hybrid Metro Mobility: Toyota e la mobilità sostenibile a Torino

Toyota ibrida: quando il motore a benzina diventa un surplus