Al Salone di Pechino MINI presenta la sua gamma e annuncia il restyling della Paceman. La prima Sports Activity Coupé nel segmento delle vetture compatte premium vede un rinnovamento in alcuni dettagli di design e annuncia prestazioni di guida superior, un’efficienza ulteriormente ottimizzata, equipaggiamenti innovativi e caratteristiche ancora più sofisticate all’interno dell’abitacolo.

Il design della scocca presente un andamento orizzontale delle linee, proporzioni dinamiche e superfici fortemente modellate nel tipico linguaggio formale MINI mentre la sezione frontale muscolosa mira a comunicare una presenza forte, con calandra del radiatore a forma esagonale. Le portiere lunghe con cristalli laterali privi di cornice sono, invece, nel tipico stile di un modello coupé. Previste nuove colorazioni esterne Jungle Green metallizzato e Midnight Grey metallizzato mentre l’abitacolo punta a mettere in risalto sia l’ambiente sportivo sia le caratteristiche premium: l’ambiente interno “da lounge” con quattro sedili separati e comfort acustico ottimizzato si accompagna alle nuove decorazioni cromate per i comandi del sistema di aerazione. I sedili sportivi per guidatore e passeggero sono di serie e gli schienali dei sedili posteriori sono ribaltabili separatamente con la possibilità di aumentare il volume del bagagliaio da 330 a 1.080 litri.

La nuova MINI Paceman è offerta in due motori a benzina e due propulsori diesel a quattro cilindri con cambio manuale a sei marce di serie (cambio automatico a sei rapporti, offerto come optional). L’offerta comprende inoltre la sportiva top di gamma MINI John Cooper Works Paceman da 218 CV con potente motore quattro cilindri turbo e trazione integrale ALL4 di serie. Tutte le varianti di modello soddisfano la norma antinquinamento Euro 6 e sono dotate della tecnologia MINIMALISM ampliata, che include l’ottimizzazione delle caratteristiche di aerodinamica così da ridurre i consumi e le emissioni (consumo di carburante nel ciclo combinato tra 7,1 e 4,2 l/100 km ed emissioni di CO2 nel ciclo combinato tra 165 e 111 g/km).

Presente anche l’esclusivo go-kart feeling grazie alla sofisticata tecnica di assetto con asse anteriore McPherson e bracci trasversali fucinati. Il servosterzo elettromeccanico è dotato di Servotronic mentre l’assetto sportivo è di serie per tutte le varianti di modello insieme al Dynamic Stability Control (DSC), Dynamic Traction Control (DTC) con Electronic Differential Lock Control di serie. Mini sottolinea il suo concetto di sicurezza omnicomprensivo con l’architettura della scocca a comportamento ottimizzato in caso di incidente e un equipaggiamento di sicurezza di serie che include anche il controllo della pressione pneumatici in ogni singola ruota e la luce diurna. La protezione degli occupanti è dichiarata al livello della MINI Countryman, premiata nei test Euro NCAP con il massimo punteggio di 5 stelle.

Come sempre è ricca l’offerta di personalizzazione per godersi comfort e divertimento di guida: l’ampia gamma di optional comprende nuove luci fendinebbia a LED, proiettori allo xeno ed Adaptive Light Control, tetto panoramico in vetro alzabile e scorrevole e sistema di navigazione MINI e volante multifunzione con regolazione della velocità. A richiesta anche nuovi cerchi in lega leggeri e pneumatici dalla resistenza al rotolamento ridotta. La tecnologia di collegamento è assicurata dall’esclusivo In-Car-Infotainment: MINI Connected offre un’ampia integrazione dello smartphone nella vettura e una varietà unica di funzioni con la possibilità di aggiornamenti continui attraverso le App. Il lancio sul mercato è previsto nel luglio 2014.

LEGGI ANCHE

Nuova Mini Cooper: la piccola inglese diventa più grande

Salone Detroit 2013: Mini John Cooper Works Countryman

Mini JCW Countryman, nuove foto online