Mercoledì 18 maggio inizierà la Mille Miglia 2016 e terminerà domenica 22 maggio. La “competizione” delle Mille Miglia è momento di incontro tra sport e personalità d’eccezione, oggi la rievocazione storica della Mille Miglia è un evento che non ha eguali. La capacità di coniugare tradizione, innovazione, creatività, eleganza, bellezze paesaggistiche e stile di vita del nostro Paese ha fatto della Mille Miglia un simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo.

“Quando si celebra il passato ci si deve chiedere se c’è una ragione. La Mille Miglia è stata l’immagine del progresso tecnico, sociale ed umano; e noi facciamo bene a celebrarla, perché questa rievocazione del passato aiuta il futuro” una frase detta da Giannino Marzotto, vincitore delle Mille Miglia 1950 e 1953 che spiega tutta l’importanza della Mille Miglia.

Il “museo viaggiante” come viene chiamata la Mille Miglia, quest’anno ha visto un aumento delle iscrizioni, un’andamento positivo abbastanza inaspettato vista la crisi economica che continua a pressare le risorse finanziarie degli italiani, e non solo, ma gli appassionati, che arrivano da tutti i continenti, hanno deciso di fare uno sforzo per essere presenti alla Mille Miglia 2016.

Le iscrizioni giunte alla commissione esaminatrice sono state ben 665, provenienti da 40 nazioni. Ovviamente, la commissione delle Mille Miglia ha dovuto fare una scelta e scartare alcune iscrizioni attraverso un attento esame di selezione, applicando criteri qualitativi, storici e sportivi, giungendo alla cifra di 430 vetture.

Le vetture partecipanti saranno, però, 440 poiché sono state aggiunge ulteriori dieci automobili della “Categoria Militare“, condotte da alti ufficiali delle diverse Armi delle Forze Armate Italiane, proprio come accadde alla Mille Miglia del 1952. Tutti i modelli (tranne 25 scelti nella categoria “Speciale” sono stati costruiti prima del 1957) daranno vita a una kermesse automobilistica attraverso quasi 1.800 km di strade italiane.

Al termine della selezione sono stati scelti iscritti per 36 paesi al mondo e l’Italia rappresenta l’eccellenza con i suoi 269 partenti su 358 iscrizioni. In crescita le rappresentanze dalla Germania, con 98 persone (su 172 richieste), Olanda con 68 (su 115), Regno Unito con 61 (su 117), Stati Uniti d’America, con 50 (su 66), Svizzera con 35 (su 65), Belgio con 30 (su 58) e Argentina con 17 (su 24).

Tra le prescelte, la marca più rappresentata è Alfa Romeo con 46 vetture (scelte su 61 iscritte), seguita da FIAT con 39 (su 46 iscrizioni) e Mercedes-Benz con 34 (scelte tra 57). Appena dietro troviamo Lancia con 25 modelli, Ferrari con 22, Porsche con 21, Jaguar e Bugatti con 20 e Aston Martin con 17.