Ultimi preparativi per la Mille Miglia 2014, la tradizionale gara di regolarità per auto storiche che quest’anno festeggia la sua 87a edizione. Partenza nella serata di giovedì 15 maggio a Brescia e arrivo nella stessa città lombarda domenica 18 maggio dopo quattro tappe: giro di boa a Roma (venerdì 16) con la prima tappa a toccare per la prima volta Padova con pernottamento ad Abano Terme (giovedì notte) mentre l’arrivo della terza tappa avrà come sede Bologna (sabato 17) per un totale di 1600 km.

La gara rappresenta un’irripetibile occasione per gustare il meglio dell’ospitalità italiana, attraverso scenari artistici e naturali di straordinaria bellezza, unita al passaggio di quattrocentotrenta vetture d’epoca. In gara ci saranno 435 vetture, cifra record di tutte le edizioni, con circa 1.600 persone tra partecipanti e seguiti, e un’organizzazione di oltre 2.000 persone che ha accreditato circa 1.500 giornalisti e operatori dei media. Tra le novità più tecniche della Mille Miglia il numero delle Prove Cronometrate che contribuiranno a stilare la classifica, che sale a 74. In aggiunta, dopo più di dieci anni dall’ultima volta, saranno introdotte sul percorso sei Prove di Navigazione a media prestabilita. Lo scopo di questa novità è di consentire di accumulare più punti agli equipaggi stranieri, europei in particolare e piccolo contributo per aumentare quello spirito di sana competizione e sportiva amicizia internazionale che permea la Mille Miglia (foto by InfoPhoto).

L’andamento delle iscrizioni ha confermato il trend dello scorso anno, che fu superiore a ogni attesa: nonostante la crisi economica, il totale risulta pressoché identico a quello del 2013. Le iscrizioni sottoposte al vaglio della commissione esaminatrice sono state 619, provenienti da 35 nazioni di 5 continenti, cinque in più dello scorso anno, con l’Italia che continua a essere il Paese maggiormente rappresentato nonostante il calo delle iscrizioni con 143 auto al via (42 in meno del 2013), dato che tocca anche la Germania (133, 20 equipaggi in meno). In crescita le nazioni più piccole, come Olanda e Belgio, rispettivamente con 52 e 43 concorrenti iscritti. Tra i Paesi con un numero di iscritti in doppia cifra ci sono la Svizzera con 40, gli Stati Uniti con 39, l’Austria con 14, il Giappone con 13 e l’Argentina con 12.

Da notare le 5 iscrizioni giunte dal Liechtenstein, le 4 dal Lussemburgo, le 2 da Hong Kong oltre a quelle provenienti da Cina, Emirati Arabi, Isola di Man, Grecia, Israele, Kuwait, Malta, Nuova Zelanda, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Svezia, Sud Africa e Thailandia. Le vetture schierate alla partenza di Viale Venezia appartengono a 64 diverse marche: la parte del leone tocca a Mercedes-Benz con 45 automobili, seguono Alfa Romeo con 43, Fiat con 35, Jaguar con 32 e Porsche con 24 vetture. Non mancano BMW, Ferrari e Aston Martin. In più, partiranno da Brescia ulteriori 5 veicoli della categoria “M”, (Militare, come nell’edizione del 1952).

LEGGI ANCHE

Peugeot Rally Junior Team: Albertini e Mazzetti alla Mille Miglia

Accadde oggi 12 maggio: tragedia alle Mille Miglia, era il 1957