Cosa vuol dire “fluidico”? Relativo ad un fluido. Cosa fa un fluido? Si muove. Cosa fa un’auto? Si muove. Ecco il legame. E’ il filo conduttore alla base della scultura in movimento, l’idea stilistica del centro ricerche europeo di Hyundai. Questo concetto introdotto dalla casa coreana nel 2009 è stato illustrato in diverse occasioni e modalità espressive. Quest’anno, alla Milano Design Week di questi giorni, è stato allestito uno spettacolo di luci, laser e media interattivi. E, per ricondurre tutto all’automobile, nello spazio espositivo di via Tortona 27 è stata collocata la Concept Car HED-7. Questo prototipo fu presentato al salone di Ginevra del 2010 ed è la base di partenza del design di tutte le ultime vetture Hyundai.

La linea della HED-7 (che monta un motore ibrido) esprime dinamismo; i materiali leggeri ed il tetto a pannelli solari indicano efficienza energetica. Non è tutto. Il progetto di recupero energetico è più ampio e vede la collaborazione del colosso chimico tedesco Basf. Un dispositivo termoelettrico collocato nel condotto di scarico recupera il calore sviluppato dai gas, convertendolo in energia elettrica che viene usata per alimentare i sistemi ausiliari.

Questa è in sintesi la filosofia della “Fluidic Sculpture”, riassunta da Thomas Bürkle, capo designer del centro Hyundai di Rüsselsheim: “La prima impressione che si ha della HED-7 è quella di una vettura dalla linea suggestiva risultante dalla combinazione di superfici scolpite con forme estremamente femminili e di proporzioni ampie e possenti. La sommità del tetto inclinata verso il posteriore e il caratteristico volume principale esprimono un’interpretazione in chiave ultra-moderna della categoria delle berline. Queste proporzioni uniche sono abbinate a una lunga coda e a uno sbalzo anteriore corto, elementi che sono stati inseriti per migliorare l’aerodinamicità dell’auto”.

Qui sotto potete vedere una gallery e un video sullo spettacolo di luci e sulla Hyundai HED-7.