Negli anni ’50 c’è stato un modello davvero iconico, che è rimasto nell’immaginario collettivo per la sua forma simpatica, per la sua unica portiera posta sull’anteriore e per la sua forma a uovo. Stiamo parlando della Iso Rivolta Isetta, o della ancora più celebre BMW Isetta, un modello che ha salvato le finanze del marchio bavarese. Oggi il mito riprende forma e arriva tra la primavera e l’estate del 2018 con una nuova veste di auto ecologica. Nasce la Microlino, una piccola auto elettrica tale e quale a quella che fu la Isetta. Questa vettura verrà prodotta dalla Micro Mobility Systems, un’azienda svizzera attiva dagli Anni 90 nella produzione di monopattini, ad un prezzo d’assalto di 12.000 euro. Il successo è stato immediato, subito dopo averla ammirata per la prima volta al Salone di Ginevra 2016, sono arrivate 500 prenotazioni, oggi siamo già arrivati alla quota di 4.500. I mercati di riferimento saranno in primis la Svizzera e la Germania, con un occhio di riguardo anche nei confronti dell’Italia, che partecipa alla realizzazione delle vetture tramite la Tazzari.

Non viene stravolto il design pensato in origine, infatti le dimensioni rimangono ridotte, con una lunghezza di 2,43 metri, una larghezza di 1,50 metri e un’altezza di 1,46 metri. Elementi distintivi sono i finestrini scorrevoli, i fari anteriori integrati negli specchietti e il tetto apribile, pensato anche per l’uscita d’emergenza, oltre all’unico portellone anteriore per l’accesso all’abitacolo. L’ambiente interno è stato strutturato per ospitare due adulti e 300 litri di bagaglio. Dimensioni mini ma anche peso ridotto, sono solo 450 i suoi chilogrammi (batterie escluse), mentre il motore ha 15 kW di potenza e 110 Nm di coppia massima. Le prestazioni raccontano di una velocità massima autolimitata a 90 km/h, mentre l’accelerazione da 0 a 50 km/h si compie in 5”. Le batterie di serie hanno tecnologia al litio ferro fosfato (LiFePo4) e capacità di 8 kWh, sufficienti per avere un’autonomia fino a 120 km. In opzione si può avere l’accumulatore da 14,4 kWh che prolunga l’autonomia teorica fino a 215 km. La ricarica fino all’80% della capacità delle batterie standard richiede da 1 a 4 ore a seconda della potenza del caricatore e dell’erogatore.