Michele Tassone ha fatto il suo esordio da pilota ufficiale Peugeot al Rally del Ciocco 2015, prima tappa del campionato italiano. Un debutto condito da un secondo posto finale nel CIR Junior che rappresenta una bella iniezione di fiducia per il 23enne pilota cuneese, nato sportivamente nel 2009 come kartista. Da lì ha bruciato le tappe: il suo debutto nei rally è avvenuto solo nel 2010 partecipando a due ronde su asfalto ed ad una su terra. Nel 2011 è primo al Trofeo Abarth 500 Rally Europa e nel Superconcorso Nazionale Rally risulta il migliore tra i giovani talenti selezionati. L’anno scorso, grazie ai risultati ottenuti, Michele Tassone è stato selezionato da ACI Team Italia per affrontare il supercorso federale. In coppia con Daniele Michi, navigatore con 180 gare alle spalle (di cui oltre l’87% concluse), ha conquistato nel 2014 il successo nel Trofeo Suzuki CIR.

Michele Tassone, la concentrazione prima di tutto

A “bocce ferme”, Michele ha raccontato le sue emozioni e alcuni aneddoti capitati durante la prima gara del CIR. Quando si stava accendendo il semaforo verde della prima speciale, la sua concentrazione era totale: “Ho realizzato che era arrivato il momento di concretizzare tutte le buone sensazioni riscontrate nel pre-gara. Isolandomi da qualsiasi emozione che potesse limitare la mia performance. E’ un aspetto del mio carattere che mi piace, riuscire ad ottimizzare la concentrazione al momento dello start. E che potrà sembrare strano, visto che si trattava pur sempre della mia prima speciale da pilota ufficiale Peugeot”.

Un Rally del Ciocco pieno di fasi critiche

In testa nelle prime fasi di gara ha dovuto fare i conti con alcune noie meccaniche alla 208 R2 ma il giovane piemontese ha superato alla grande il momento di difficoltà: “La fase più critica si è materializzata in trasferimento, mentre ci stavamo dirigendo verso la speciale Noi TV. Il pedale del freno è andato giù. In un attimo ho pensato, la mia gara finisce qui e come se mi crollasse il mondo addosso, non ci volevo credere. Ma è stato un attimo soltanto e non mi sono perso d’animo...ho allungato la sosta tentare di risolvere il problema con il classico spurgo risolutivo dell’impianto. Operazioni che ci hanno permesso di proseguire la gara, stringendo i denti fino al parco assistenza di fine giornata. Un bel sollievo vedere i nostri meccanici buttarsi addosso alla Peugeot 208 R2 per ripristinarla”.

Michele Tassone traccia un bilancio molto positivo

Dunque, il bilancio del primo Rally del Ciocco da pilota del Peugeot Rally Junior Team non può che essere “estremamente positivo”. Il motivo è semplice: “Cogliere una seconda posizione nel Campionato Italiano Junior tenendo conto della problematica che ci ha rallentato nella fase decisiva della gara non può che farci guardare con ottimismo al prosieguo della stagione. Il campionato, poi, è appena iniziato”. L’obiettivo è dichiarato: conquistare il CIR Junior.