Conferenza stampa, presso l’ospedale di Grenoble, da parte dell’equipe medica della stessa struttura sanitaria. Il direttore generale, Jacqueline Hubert, ha parlato della situazione fisica di Michael Schumacher: “Abbiamo fatto un nuovo scanner celebrale, che ci ha permesso di fare un altro intervento chirurgico (LEGGI QUI IL PRIMO INTERVENTO) per diminuire la pressione intracraniale. Un nuovo esame di stamattina ha rivelato dei piccolissimi miglioramenti”

Poi ha parlato il Professor Sayan: “Aggiungo che abbiamo, nel tardo pomeriggio, visto un piccolo miglioramento transitorio della pressione introcraniale che mi ha permesso di fare un altro scanner senza rischiare troppo. E questo esame ha mostrato qualche segno che ha fatto vedere stabilità, nessun segno di un aggravamento ulteriore. Inoltre, discutendo in modo approfondito con altri colleghi, ci è sembrato possibile mantenerlo in uno stato di leggero miglioramento e proporre un nuovo intervento chirurgico, che non era previsto. Questo intervento è stato fatto e abbiamo potuto vedere che tutto è andato a buon fine. C’è qualche segno che ci lascia pensare che la situazione è più controllata rispetto a ieri”.

L’intervento chirurgico è durato due ore: “Ma non possiamo dire che Schumacher sia fuori pericolo – proseguono i medici – è una procedura classica, in rianimazione le cose evolvono in maniera molto rapida. Si guadagna un po’ di tempo, insomma”. La famiglia è presente e sta vicina a Schumacher: la decisione della nuova operazione è stata presa dall’equipe medica, dopo consulto con la stessa famiglia: “La preoccupazione c’è sempre, non possiamo dire che è fatta; bisogna essere realisti. Ma la situazione sicuramente non è la stessa di ieri, anche se non possiamo dirvi cosa succederà dopo”.

LEGGI QUI IL SALUTO DI VETTEL A SCHUMACHER

LEGGI QUI L’INCIDENTE ACCADUTO A SCHUMACHER