Una lietissima notizia per tutti gli appassionati di Formula 1: come annunciato dalla sua manager Sabine Kehm, Michael Schumacher (foto by InfoPhoto) ha lasciato l’ospedale di Losanna, dove si trova dallo scorso 16 giugno dopo esservi arrivato da Grenoble, per tornare finalmente a casa, dove proseguirà il percorso di riabilitazione. “Ha fatto dei progressi, relativamente alla gravità delle sue condizioni, ma ha ancora davanti a sé una strada lunga e difficile“, ha dichiarato la manager di Schumi, che tuttavia ha voluto sottolineare come non si debba parlare di improvvisi e forti miglioramenti dello stato di salute dell’ex pilota, chiedendo per l’ennesima volta che si evitino speculazioni.

Alla fine di luglio il quotidiano svizzero SonntagsBlick, citando una fonte anonima della clinica di Losanna, aveva parlato di un possibile ritorno a casa di Schumacher entro la fine di agosto o, al massimo, entro la fine dell’estate; più prudente la stampa tedesca, che qualche giorno fa aveva fissato attorno al giorno di Natale la data più probabile per il rientro. Ci avevano visto giusto i primi: a più di otto mesi dal tragico incidente di Meribel, Michael Schumacher torna a casa. Ma, come ben sa la sua famiglia, la battaglia è tutt’altro che conclusa.