Forse, tra i protagonisti delle qualifiche del venerdì, Nico Rosberg è quello che vede il bicchiere mezzo vuoto: la sua Mercedes viaggia con un gap di oltre 4 decimi da quella del compagno di squadra con le gomme supersoft, ed è addirittura dietro le due Ferrari nella classifica dei tempi della seconda sessione.

Dunque, il figlio d’arte non sembra arrembante come in Spagna, né può sperare in un altro disastro del suo muretto box ai danni di Hamilton durante la gara come a Monaco. Insomma, dovrà darsi da fare e trovare alla svelta il bandolo della matassa se vorrà continuare la rincorsa in classifica a Lewis Hamilton.

Nel frattempo però, dovrà guardarsi le spalle anche dalle Ferrari, rinvigorite dal nuovo motore, e pronte a sottrargli la prima fila, anche con Raikkonen, che sembra essere veloce anche sul giro secco nel difficile tracciato di Montreal.

In effetti, Rosberg vede le Ferrari come delle potenziali avversarie e lo ammette candidamente: “al momento non riesco a dire dove siamo esattamente, ma le Ferrari sembrano poter essere una minaccia. Oggi sono stati davvero molto veloci”.

Poi torna a parlare della sessione di libere di ieri che si è conclusa con l’arrivo della pioggia, nonostante la quale è uscito in pista insieme al suo compagno di squadra per la gioia degli spettatori sulle tribune. “Sono anche tornato in pista quando ha iniziato a piovere, ma solamente per fare qualche prova di partenza, perché le condizioni erano davvero complicate”.

Dunque, la caccia ad Hamilton riprenderà in serata, in occasione delle qualifiche del gran premio del Canada, ma Rosberg vivrà il momento anche con un occhio ai retrovisori, dove potranno materializzarsi, in maniera minacciosa, anche le sagome delle due Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, pronte a soffiargli la prima fila al minimo errore.

Quindi Nico Rosberg dovrà trovare la concentrazione che aveva in Spagna e la giusta tensione emotiva, se vorrà essere protagonista anche in Canada.