Non c’è due senza quattro per la Mercedes Classe C; infatti, dopo l’arrivo sul mercato della berlina e della pratica variante station wagon, questo modello è destinato ad essere proposto in altre due tipologie di carrozzeria, vale a dire le versioni Coupé e Cabrio. Con la sportiva a tetto chiuso che farà il suo debutto nel mese di settembre in occasione del Salone di Francoforte 2015.

Poche le indiscrezioni relative alla variante aperta, che utilizzerà un soft top, come impongono le ultime tendenze di mercato, in luogo del tetto ripiegabile in metallo presente sulla SLK. Più corpose invece le notizie relative alla Coupè che, secondo il capo di AMG, Tobias Moers, sarà proposta anche nella versione C 63 AMG, e rappresenterà, a detta dello stesso dirigente, “una svolta” per la storia del marchio di Affalterbach. Quindi la BMW M4 è avvisata: avrà una concorrente agguerrita da cui guardarsi le spalle.

La Classe C Coupé risentirà inevitabilmente delle influenze derivanti dalla variante berlina, da cui prenderà ispirazione per quanto riguarda il design. Ma non è tutto, l’elegante sportiva teutonica originerà dalla stessa piattaforma MRA, ma potrà contare su una siluette che, in base a quanto affermato dall’uomo a capo del design della Stella a Tre Punte, alias Gorden Wagener, sarà ancora più accattivante di quella, riuscitissima, della Classe S Coupè.

Dal punto di vista stilistico, la Classe C Coupè avrà dei montanti anteriori più inclinati, che daranno luogo ad una forma più aerodinamica del parabrezza, mentre la coda sarà appena accennata e la dinamica delle proporzioni verrà enfatizzata dal tetto che potrà fregiarsi di montanti posteriori spioventi. Il tutto è studiato per conferire un senso di dinamismo anche a vettura ferma, senza rinunciare, ovviamente, all’eleganza che contraddistingue ogni creazione Mercedes.

Anche gli interni saranno modificati in base alla nuova destinazione d’uso della vettura, ma è chiaro che la console centrale, un vero e proprio monumento al design, non dovrebbe subire cambiamenti radicali. La conformazione estetica invece, si rifletterà, inevitabilmente, sull’accessibilità ed il comfort dei posti posteriori, dove i più alti potrebbero subire la conformazione spiovente del padiglione.

Le motorizzazioni dovrebbero essere speculari a quelle della berlina e della station wagon, mentre al vertice della gamma dei propulsori dovrebbe esserci il nuovo V8 4 litri biturbo da oltre 500 CV.